Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Camminate piacentine

Ritornano le “Camminate Piacentine”: si parte in Val d’Arda dal Sentiero del Partigiano

Ritorna eccezionalmente la rubrica “Camminate Piacentine” in occasione della Festa della Liberazione. Non potevamo non proporvi il “Sentiero del Partigiano” che parte dal Museo della Resistenza di Sperongia e ripercorre i passi di “Giovanni lo Slavo”, mitico capo delle bande ribelli che operarono nell’alta Val d’Arda.

Una proposta che non è soltanto un omaggio alla festa della Liberazione, ma anche un invito a tutti gli amanti delle escursioni a riprendere il cammino interrotto a causa delle restrizioni della pandemia. L’auspicio è che con l’ingresso della nostra Regione in zona gialla non si torni più indietro e che possiate percorrere tutte le camminate dei libri di Officine Gutenberg.

Questo itineario è stato pubblicato nella prima raccolta Estate delle “Camminate Piacentine” in formato Marsupio uscita nel 2020 ed è un ghiotto antipasto della nuova guida in arrivo a metà di maggio 2021, quando sarà in libreria e in edicola la seconda raccolta Marsupio, l’edizione Primavera, con 12 camminate ripercorse e aggiornate, impaginate nel formato tascabile che viene prodotto direttamente nel laboratorio tipografico della nostra cooperativa sociale Officine Gutenberg dove sono inserite nel processo produttivo artigianale persone svantaggiate. Insomma questo prologo sul web serve anche per farvi venire l’acquolina in bocca e tornare la voglia di mettere gli scarponi.

ROCCA CASALI E IL SENTIERO DEL PARTIGIANO

Sentiero partigiano Camminate

SCARICA LA CARTINA E LA SCHEDA DELL’ESCURSIONE IN PDF

LA PRESENTAZIONE – Giovanni Grcavaz, ufficiale della marina militare jugoslava, evaso nel 1943 dal campo di prigionia militare di Cortemaggiore dove si trovava rinchiuso, risalì progressivamente la val d’Arda, per giungere nella zona di Settesorelle, dove si dedicò a organizzare ex militari e renitenti alla leva, per formare una banda partigiana. Nei primi mesi del ’44 Giovanni, ormai per tutti “lo Slavo”, ebbe il comando della 62’ Brigata di assalto “Luigi Evangelista”, destinata a controllare un ampio territorio, dalla sponda destra dell’Arda ad alcune zone limitrofe nel parmense. Come recita Calamandrei nella sua celebre frase: “se volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani…”, l’invito può essere facilmente raccolto, grazie all’itinerario, dedicato appunto alla memoria di Giovanni “lo Slavo”, che parte dal Museo della Resistenza Piacentina di Sperongia.

Il tracciato, contrassegnato da segnavia bianco-rossi e dalla scritta GLS, si sviluppa lungo un’area posta sul versante destro della vallata principale, subito dopo la confluenza del torrente Lubiana, abitata fin dai tempi antichi, come rivela l’origine latina di vari toponimi (Dadomo da de Domo, Settesorelle da Septem Sorores, Osteria da hospes). L’intero settore, quasi completamente rivestito da boschi e castagneti, è dominato dalle rocce della Rocca Casali, spuntone non altissimo (872 mt) ma in grado di offrire un vasto panorama circolare sui monti circostanti.

IL PERCORSO – Ci si incammina sull’asfalto, in direzione opposta a quella di provenienza, in leggera salita verso Settesorelle. Si procede per un paio di min, ammirando un ampio panorama sull’alta val d’Arda, dal Menegosa all’altopiano del Morìa. A circa duecento mt dal parcheggio si raggiunge e si imbocca sulla destra una carraia, ben segnalata da un cartellino in legno bianco-rosso “GLS” ovvero “Giovanni lo Slavo”, il partigiano cui è dedicato l’intero percorso (foto 1). Lo stradello si biforca quasi subito, e si segue il ramo di destra seguendo i segnavia. Ancora 2 min e si raggiunge un guado, oltre il quale occorre fare attenzione a un nuovo bivio: si prosegue verso sinistra, seguendo i segnavia parzialmente nascosti nella vegetazione. (mt slm 540 – 5 min)

La mulattiera, dal fondo sconnesso, inizia a salire, per poi scendere a guadare un altro rio, il cui greto è ingombro di grandi massi. Subito dopo si tiene la destra al successivo bivio, come ben indicato da segnavia e cartello, e si segue in discesa l’impluvio nel bosco. Il tracciato si allontana dal ruscello e raggiunge una costa, dove si trova un nuovo incrocio: si scende tenendo la destra, senza perdere d’occhio i segnavia. Il sentiero si allarga nuovamente in una comoda carraia, che dopo qualche min affianca un nuovo corso d’acqua, che scorre alla sinistra del percorso. In breve la strada si divide in due rami: si abbandona quello che prosegue diritto, lungo il rio, e si svolta a sinistra, sulla carrozzabile che scavalca il ruscello e riprende a salire. (mt slm 520 – 15 min)

Dopo un min si ignora una traccia che penetra verso sinistra nel bosco e, dopo pochi passi, un’apertura nella vegetazione consente una bella vista verso il Parco Provinciale, con la guglia del campanile di Sperongia in primo piano. Dopo l’attraversamento di un altro rio, che scorre intubato sotto la carraia, si tiene la destra a un nuovo bivio, sempre assistiti dal segnavia . La carraia supera un tratto in cui il bosco è molto diradato dal taglio del legname, e i segnali sono scarsi, probabilmente per l’abbattimento delle piante su cui erano dipinti; quindi sale a un poggio, in cui riappaiono le strisce bianco-rosse. Si riprende a scendere fino al punto in cui ci si immette su di una strada sterrata, a pochi mt dai ruderi di Gariboia. Si trascura la svolta, segnalata, verso il museo della Resistenza e si tiene la sinistra, verso il piccolo borgo abbandonato. Muovendosi con cautela tra i ruderi, in evidente pericolo di crollo, è possibile apprezzarne la tecnica costruttiva, in pietra locale a vista, con coperture in lastre pure in pietra, e finestre con piedritti e architravi monolitici . (mt slm 500 – 10 min) La carraia prosegue oltre le case, ampia e grossolanamente selciata, costeggiando campi coltivati, oltre i quali si innalza il versante settentrionale della Rocca; a una biforcazione nei pressi di un rudere, si trascura il ramo che prosegue a destra in piano in direzione del torrente Arda, e si tiene la sinistra in salita in direzione “Casa del Cucù-Dadomo-Grotta dell’eccidio” .

Il sentiero si allontana dai coltivi risalendo su di un dosso; qui si trascura un tratturo che sale a sinistra nel bosco e si prosegue diritto sul percorso principale, che scende a guadare l’ennesimo rio, nei pressi di un enorme macigno di pietra nera, superato il quale si tiene la sinistra. A poco più di 10 min da Gariboia il sentiero esce allo scoperto, svolta a gomito verso sinistra e dopo poche decine di mt rientra nel bosco. Subito la traccia si fa molto labile e priva di segnavia: ci si dirige in piano verso un impluvio, normalmente asciutto, ingombro di tronchi abbattuti coperti di muschio, lo si attraversa e si prosegue verso destra in salita sull’altro versante. Il tracciato diviene più marcato, sale ancora su di una costa e si ritrova il segnavia. Si continua per qualche min all’interno di un antico castagneto da frutto, tra maestosi esemplari e tronchi contorti, ormai seccati, fino a raggiungere un bivio, segnalato dal cartellino in legno che indica, a sinistra, “casa del Cucù”. Si lascia quindi, temporaneamente, il percorso principale per svoltare a sinistra sulla carraia in piano che raggiunge, in un paio di min, i ruderi della casa: un paio di spezzoni di muro, tra i quali crescono due grandi alberi, interessanti per il suggestivo ambiente che li circonda. (mt slm 619 – 25 min) Ritornati al bivio precedente si prosegue verso sinistra, in piano, su ampia carraia che prosegue in leggero saliscendi nel bosco, senza segnavia ma senza presentare incroci o possibilità di errore.

segue nella prossima pagina

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.