Quantcast

Roberto Reggi candidato più accreditato alla presidenza della Fondazione

La nomina del nuovo presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano è prevista entro la prima metà di maggio: a votarlo sarà il consiglio generale rinnovato che completerà la propria composizione il 26 aprile prossimo con la cooptazione dei due ultimi membri.

Saranno i 15 consiglieri (13 sono già stati eletti, mancano solo i due cooptati), espressione dei territori di Piacenza e Vigevano e delle varie articolazioni della società civile e politica, ad eleggere il successore di Massimo Toscani. E il candidato più accreditato è l’ex sindaco di Piacenza Roberto Reggi. Una candidatura maturata nelle passate settimane e che gode del sostegno di diversi settori del mondo economico, sociale e politico rappresentato nel consiglio della Fondazione. Per mesi si è parlato dell’ipotesi del giornalista piacentino del Corriere della Sera Giangiacomo Schiavi, che tuttavia recentemente si è tirato fuori dalla contesa. Anche un secondo pretendente, l’ex presidente dell’Ordine dei Medici Augusto Pagani, avrebbe rinunciato alla competizione.

Sulla figura di Reggi, tornato alla sua professione di ingegnere dopo essere stato sindaco per due mandati di Piacenza, sottosegretario all’Istruzione e direttore dell’Agenzia del Demanio, ci sarebbe la convergenza di settori diversi della città, senza l’opposizione della componente vigevanese del consiglio, pertanto l’ex sindaco avrebbe in tasca i voti necessari per ottenere la maggioranza del parlamentino della Fondazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.