Quantcast

Conflitto in Palestina, la Comunità Islamica prega per la moschea “violata” di Al Aqsa

Più informazioni su

“Durante gli ultimi giorni del sacro mese di Ramadan, le forze di occupazione sioniste e i loro coloni hanno violato nuovamente la moschea di Al Aqsa a Gerusalemme durante le preghiere dei fedeli”.

Lo scrive in una nota la direttrice della Comunità Islamica di Piacenza Lejla Bosnjakovic. “L’escalation – scrive – è dovuta alla deportazione di intere famiglie palestinesi, prese con la forza dall’esercito di occupazione israeliano dalle loro case per lasciarle a coloni israeliani nella Gerusalemme Est. La pulizia etnica in corso nella Città santa e nella Palestina non può continuare nel completo silenzio della comunità internazionale e dell’opinione pubblica o nell’attribuzione di egual colpa a oppresso e aggressore. La Comunità Islamica di Piacenza condanna fermamente le aggressioni perpetrate dall’esercito dell’occupazione israeliano e invita tutti i Giusti della città, d’Italia e del mondo a far sentire la propria voce prima che la storia li giudichi per tutti gli innocenti, le donne e i bambini deportati o uccisi brutalmente”.

“La preghiera di Eid Al Fitr a Piacenza – conclude – sarà dedicata per pregare per la moschea di Al Aqsa, per Gerusalemme – la capitale della Palestina – e per Gaza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.