Quantcast

La partoanalgesia spiegata alle future mamme in video conferenza

Più informazioni su

Il dolore del travaglio è una esperienza che può essere tanto difficile per alcune donne da impedire di vivere serenamente il parto. In questi casi può essere utile l’analgesia epidurale. Attraverso questa tecnica, è possibile di controllare il sintomo del dolore, consentendo alla donna di partorire in modo naturale e spontaneo.

Da anni – ricorda l’Ausl – il reparto di Anestesia e Rianimazione offre questo servizio alle gestanti che si affidano all’ospedale di Piacenza. Per presentare al meglio l’opportunità, tradizionalmente erano organizzate conferenze informative gratuite mensili, in cui le future mamme avevano l’opportunità di conoscere i professionisti e porre domande e dubbi. Con la pandemia, gli incontri sono stati interrotti. Adesso l’equipe di Anestesia e Rianimazione è pronta a riprendere l’importante appuntamento in modalità on line. I professionisti saranno infatti a disposizione delle gestanti con una conferenza a cadenza quindicinale, utilizzando il canale zoom.

Il prossimo appuntamento è fissato per il 20 maggio, alle ore 14.30 alle 16. Ne seguirà un altro il 3 giugno, sempre nella stessa fascia oraria. Successivamente si prosegue con 2 appuntamenti mensili, il primo e il terzo giovedì di ogni mese. Le coordinate si accesso sono le seguenti: https://zoom.us/j/94616983177?pwd=Ti8zMnZ1WmxjUUo1SFpPeEV1dU1hQT09; ID riunione: 946 1698 3177; Passcode: 661204. È utile collegarsi e partecipare all’incontro tra la 31esima e la 34esima settimana di gestazione.

“A Piacenza – informa l’azienda sanitaria – lo staff­ di anestesisti è disponibile 24 ore su 24, per far fronte a tutte le urgenze e le necessità della sala parto e dei tagli cesarei. Quando una donna manifesta la volontà di essere sottoposta alla partoanalgesia, potrà richiederla alle ostetriche o al ginecologo presente in sala parto. L’ équipe si occuperà di avvisare l’anestesista dedicato, che la raggiungerà e deciderà con lei e con i colleghi se e quando iniziare.  La partoanalgesia, salvo richieste specifi­che di libera professione, è gratuita per tutte le partorienti. Mediamente, prima della pandemia, erano circa 300 le donne che ne facevano richiesta in un anno”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.