Quantcast

L’Assemblea regionale ospita la mostra “Dal Po al Pedalò” dell’artista piacentino Schenardi

Le storie dipinte di Giuseppe Schenardi che raccontano le bellezze lungo la Via Emilia “dal Po al Pedalò” arrivano nei locali dell’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna. L’esposizione, che, non a caso, si intitola “Dal Po al Pedalò”, a cura di Silvia Bonomini, verrà inaugurata martedì 25 maggio alle 15 nella sede del parlamento regionale in viale Aldo Moro 50 dalla presidente Emma Petitti e dal questore Giancarlo Tagliaferri.

Quelle di Giuseppe Schenardi sono “storie dipinte” che raccontano le bellezze artistiche, culturali e ambientali dell’Emilia-Romagna, ma che “parlano” anche di fatti reali, di uomini, di miti, di leggende. Iniziano a Piacenza, città natale dell’artista, bagnata dal grande fiume Po, e – dopo aver percorso tutta la Via Emilia – giungono al porto di Rimini, approdo naturale per chi ama il mare e il divertimento. Un viaggio in cui Schenardi “legge” con i suoi colori e con sottile ironia, alcuni simboli che incontra lungo la via. Ed è proprio l’aspetto ludico e ironico la chiave di lettura per capire titoli, soggetti, personaggi e ogni elemento presente nei quadri dell’artista piacentino. Ogni quadro è un racconto che scaturisce dai ricordi di Schenardi che, quando era bambino, viaggiava con la sua famiglia sulla Via Emilia da Piacenza per raggiungere il mare di Rimini. Schenardi arricchisce con 20 opere questi ricordi con interpretazioni personali, attingendo nel suo vasto bagaglio culturale colmo di conoscenza sia di un mondo lontano, quello medievale, sia di un mondo più vicino ai nostri tempi, il secolo scorso e la società odierna.

La mostra sarà visitabile fino al 10 giugno. I visitatori possono accedere all’Assemblea legislativa su prenotazione, scrivendo all’indirizzo email: gabinetto presidenteal@regione.emilia-romagna.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.