Quantcast

Sostegno a progetti sociali e culturali: da Crédit Agricole Italia due milioni di euro per il territorio piacentino

Due milioni di euro per lo sviluppo di progetti sociali e culturali.

L’importante cifra è messa a disposizione da Crédit Agricole Italia per il territorio piacentino: il plafond sarà destinato ad interventi individuati e segnalati in prima istanza dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, azionista e partner della banca, quindi valutati da entrambe le parti per i loro risvolti solidali, culturali e per il loro potenziale di supporto alla crescita e alla ripresa. Qualora un progetto verrà ritenuto meritevole in questo senso, i contributi saranno erogati direttamente dal gruppo bancario alla singola realtà promotrice.

“Quest’iniziativa mette in risalto, ancora una volta, quanto sia importante fare squadra per il bene comune – ha sottolineato il presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Massimo Toscani, in occasione di una conferenza stampa svoltasi nella mattinata dell’11 maggio -. In questo periodo così difficile lo abbiamo capito molto bene: da soli non si va da nessuna parte”. In attesa che venga ufficializzato – è ormai questione di giorni – il cambio di testimone alla guida dell’istituto di via Sant’Eufemia (il successore di Massimo Toscani sarà con tutta probabilità l’ex sindaco Roberto Reggi) ciò che è certo è che i progetti finanziati da Crédit Agricole Italia dovranno seguire gli ambiti d’interesse definiti nello statuto della Fondazione: Welfare, cultura, educazione, ricerca scientifica, assistenza agli anziani, volontariato. “A prescindere dal merito della singola iniziativa, sono convinto servano idee innovative” ha evidenziato Toscani.

La sinergia tra Fondazione e Crédit Agricole Italia va avanti da circa tre anni, periodo nel quale sono stati promossi diverse progetti di ampio respiro: dagli eventi culturali – ad esempio la Salita alla Cupola del Guercino e la mostra su Annibale a Palazzo Farnese – fino al più recente impegno durante l’emergenza sanitaria, che ha portato all’acquisto di 15 ventilatori polmonari per l’ospedale Guglielmo da Saliceto e a definire il protocollo di welfare sociale “Insieme Piacenza” con Comune e diocesi. “Dopo un anno caratterizzato da una grave emergenza sanitaria, con rilevanti riflessi sull’economia locale, abbiamo voluto confermare il nostro sostegno a Piacenza attraverso interventi mirati, attutati a fronte di specifiche proposte formulate dalla sua Fondazione – ha evidenziato Davide Goldoni, direttore regionale Piacenza Lombardia Sud di Crédit Agricole Italia -. Questa decisione prende ispirazione dai valori del nostro gruppo, che ci conducono ad operare da anni al fianco delle nostre fondazioni azioniste, con le quali abbiamo instaurato e manteniamo un rapporto molto solido. In particolare, il legame con la Fondazione di Piacenza e Vigevano rappresenta una risorsa fondamentale per il nostro gruppo e rimarca il nostro profondo legame con un’area di presenza storica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.