Quantcast

Al via i centri estivi a Gragnano, le modalità di adesione per gestori e famiglie

Il Comune di Gragnano Trebbiense (Piacenza) aderisce al Progetto Regionale “Conciliazione vita-lavoro: sostegno alle famiglie per la frequenza ai Centri estivi e ha reso noto le modalità di adesione sia per le famiglie che per i Gestori.

“Il progetto ha la finalità di offrire un sostegno economico alle famiglie che avranno la necessità di utilizzare i Centri Estivi per bambini e ragazzi da 3 a 13 anni nel periodo di sospensione delle attività scolastiche/educative – spiegano gli Amministratori – e costituisce una importante opportunità che anche quest’anno la Regione Emilia-Romagna ha voluto offrire come sostegno alla genitorialità. L’istruttoria e la gestione del progetto porterà un ulteriore notevole aggravio di lavoro ai dipendenti dei Servizi Sociali Comunali e il Comune dovrà anticipare gli importi che verranno poi rimborsati dalla Regione, ma non si è voluto perdere questa opportunità importante a sostegno delle famiglie”.

Destinatari dell’intervento possono essere famiglie (anche affidatarie e nuclei monogenitoriali) con bambine/i e ragazze/i di età compresa tra i 3 e i 13 anni (nati dal 2008 al 2018) che abbiano i seguenti requisiti:

– siano residenti nel Comune di Gragnano Trebbiense;

-in cui entrambi i genitori (o uno solo, in caso di famiglie monogenitoriali) siano occupati ovvero lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati-oppure famiglie nelle quali anche un solo genitore sia in cassa integrazione, mobilità oppure disoccupato che partecipi alle misure di politica attiva del lavoro definite dal Patto di servizio;

– oppure famiglie in cui uno dei due genitori non è occupato in quanto impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza nel nucleo familiare di componenti con disabilità grave o non autosufficienza, come definiti ai fini ISEE;

– con un valore ISEE non superiore ai € 35.000,00 (l’attestazione ISEE deve essere 2021 o in alternativa, per chi non ne è in possesso, è ammessa l’attestazione ISEE 2020);

– che scelgano di iscriversi ad un Centro Estivo fra quelli contenuti nell’elenco dei Soggetti Gestori aderenti (che sarà successivamente pubblicato su questo sito non appena approvato dal Comune Capofila di Castel San Giovanni) oppure ad un Centro Estivo di un altro Comune/Distretto della Regione Emilia-Romagna che abbia aderito al “Progetto per la conciliazione vita-lavoro”.

Sono ammessi a contributo i bambini di 3 anni (nati dal 1/01/2018 al 31/12/2018), purché non frequentanti un “nido” che prosegua l’attività nel periodo estivo. Il contributo massimo per bambino è di 336 euro. Il contributo concesso a settimana è pari ad un limite massimo di € 112,00 e sarà erogato in base all’ effettiva frequenza, previa presentazione delle ricevute di pagamento.

Presentazione delle domande per il contributo: Le famiglie interessate possono presentare domanda presso l’Ufficio Servizi Sociali dal 22/06/2021 al 07/07/2021 indicando il nome del Centro estivo in cui intendono iscrivere, il proprio bambino/ragazzo, tra quelli che hanno aderito al progetto e riportati nell’elenco distrettuale. E’ possibile fin da ora telefonare al n. 0523788760 per prenotare appuntamento per la presentazione della domanda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.