Quantcast

“Blocco sfratti, altro rinvio alla Consulta”

Blocco sfratti, altro rinvio alla Consulta – L’intervento di Corrado Sforza Fogliani, presidente Centro studi Confedilizia

E’ ormai una gragnuola di colpi quella che si abbatte, al ritmo di uno alla settimana, contro il decreto di blocco degli sfratti recente-mente rinnovato dal Parlamento con l’assenso del ministro della Giustizia Cartabia. Dopo le accurate ordinanze dei Tribunali di Trieste e Piacenza, è ora la volta del Tribunale di Savona (giudice dott. Eugenio Tagliasacchi) che, in un argomentato e dettagliato provvedimento di 12 pagine, ha anch’egli sollevato eccezione di costituzionalità avanti la Consulta della normativa in questione per violazione degli articoli 3, 11, 24, 41, 42, 111 e 117 della Costituzione nonché dell’articolo 6 della Convenzione dei Diritti dell’uomo, dell’art. 1 del Protocollo addi-zionale 1 CEDU e dell’art. 47 della Corte dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Ciò, nella parte in cui la disposizione di bloc-co “prevedono una sospensione automatica e generalizzata dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili locati e precludono al giudice ogni margine di prudente apprezzamento del caso concreto, sotto il profilo della valutazione comparativa delle condizioni economiche di conduttore e locatore e della meritevolez-za dei contrapposti interessi”.

L’Ordinanza del Tribunale di Savona, oltre che per i richiami alla normativa europea, è particolarmente interessante per il per il caso in cui l’eccezione di costituzionalità è sollevata: quello dell’Ufficiale giudiziario che oppone la proroga per non eseguire l’atto richiesto, con possibile (teorica) configurazione della respon-sabilità di cui all’art. 60 c.p.c. così radicandosi la competenza a giudicare, in punto, del Giudice dell’Esecuzione. Si pensi anche solo al caso in cui la questione di responsabilità si ponesse per una fattispecie in cui non si esegua uno sfratto per la mera assenza della Forza pubblica in una situazione di assoluta pace, senza alcu-na minaccia o violenza all’Ufficiale procedente. Altrettanto, l’ordinanza è di interesse generale perché viene considerato il caso della situazione di una locatrice senza mezzi, tant’è che è stata ammessa al gratuito patrocinio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.