Quantcast

Cede l’asfalto mentre cammina alla Besurica “Chi pensa alla sicurezza?”

“Cosa dobbiamo fare per sentirci al sicuro, almeno su un marciapiede, in questa città?”.

Se lo chiede una lettrice, che ha contattato la nostra redazione raccontando una disavventura che l’ha vista, suo malgrado, protagonista mentre camminava nel quartiere della Besurica a Piacenza. “Nel passeggiare spensieratamente lungo il marciapiede di Via Marzioli, adiacente i giochi dei bambini – spiega -, ho malauguratamente avuto la brillante idea di evitare di calpestare un tombino per una paura ancestrale di sentirmelo cedere sotto i piedi. Bella pensata! In verità ha ceduto l’asfalto malamente abborracciato e il mio piede è sprofondato di 25 centimetri nel buco che si è creato, corrispondente al canale di scolo della strada. Premetto che non sono una silfide, ma mi ritengo una persona normale, di media corporatura…Mi sono sbucciata il laterale della gamba, unicamente perchè il piede è sceso dritto: se solo avesse ceduto di lato avrei infilato completamente lo scolo e addio caviglia”.

“Cosa dobbiamo fare – si chiede – per sentirci al sicuro, almeno su un marciapiede in questa città e in questo quartiere, dove i lavori hanno martoriato strade e marciapiedi, dove anche i lavori di manutenzione dei giardini hanno sfondato tutte le centraline dell’impianto idrico e ci sono i pozzetti tutti scoperchiati e rotti in cui si può finire anche facendosi una passeggiata tranquilli in mezzo all’erba che cresce intorno rigogliosa impedendone la vista? Sarà che sono sensibile alla sicurezza, avendo a che fare con anziani e bambini, ma non vi sembra necessario rendere sicuri gli spazi prima di pensare a fare cerimonie commemorative nelle piazzette, puntuali e altrettanto rispettabili come la vita quotidiana di chi ci vive?”.

“Mi domando – conclude – come si possa bypassare questo aspetto al giorno d’oggi, dove la sicurezza è al centro delle problematiche di chi governa e che ancora viene focalizzata solo e quando accadono incidenti come la tragedia della funivia o gli incidenti sul lavoro”.

Se volete segnalare situazioni di degrado e trascuratezza inviate mail e foto a redazione@piacenzasera.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.