Quantcast

“Direttore d’orchestra per amore della musica e dei miei genitori”

Sul podio, con la bacchetta da direttore d’orchestra, per amore della musica e dei genitori, Pierluigi e Anna.

Andrea Bricchi, ingegnere e manager, è musicista e compositore, stasera alle 21, dirigerà l’Orchestra Farnesiana in due brani, nel concerto in memoria delle vittime del Covid, nell’ambito della rassegna #EstateFarnese, promossa dal Comune di Piacenza. Un programma che spazia da Vivaldi, a Mozart, Mascagni e Bach. Il Maestro Antonio De Lorenzi dirigerà i primi due brani, mentre Andrea Bricchi dirigerà Aria sulla quarta corda di Bach, e L’intermezzo della Cavalleria Rusticana di Mascagni. Proprio quest’ultimo brano fa parte del lessico familiare di Bricchi.

“Mio padre ascoltava l’Intermezzo tutti i giorni nell’ultimo periodo della sua vita (è mancato nel 2017, ndr), a tutto volume. Io e mia madre avevamo capito che in realtà quella musica era per noi, perché papà aveva capito che non aveva più molto tempo – racconta Bricchi – e voleva salutarci così. Quindi per me è sempre stata una musica molto importante e che negli anni, mia madre ha continuato ad ascoltare, per ricordare mio papà e il tempo trascorso con lui”. La mamma Anna è poi mancata, lo scorso anno, in seguito alle complicanze da covid. Male che ha colpito, seppur in forma lieve, anche il musicista – manager. Da quel dolore è nata poi la Messa da Requiem, composta da Andrea Bricchi insieme al violinista Marco Fornaciari, che ha aperto lo scorso anno proprio il festival Mascagni a Livorno.

Stasera si realizza un altro sogno per Bricchi, che ha studiato musica e canto per 8 anni, una passione questa, nata e tramandata in famiglia. “Volevo dirigere l’Intermezzo di Mascagni, ma quando ne parlavo questo mio progetto veniva accolto con freddezza, perché ovviamente direttore d’orchestra non ci improvvisa. Poi ho trovato invece chi mi ha sostenuto e allora mi sono messo a studiare – racconta – con impegno, prima con Lorenzo Missaglia, già direttore del conservatorio Nicolini, e poi con Antonio De Lorenzi, poi mi sono confrontato anche con Leonardo Colonna (contrabbassista alla Scala e dell’orchestra Rai, ndr), con i fratelli Schiavi dell’Orchestra Farnesiana e alla fine ha funzionato. Non voglio dire di essere in grado di dirigere, ma di dire a dei professionisti come vorrei che suonassero quella musica, quello sì. Lo scorso anno ho conosciuto a Livorno la nipote di Mascagni, siamo rimasti in contatto e pochi giorni fa mi ha suggerito come, in questo brano, si avvertano sia l’ondeggiare del mare sia della culla: un chiaro rimando di Mascagni alla madre, che morì quando lui aveva 10 anni.Tenere quella musica lì, pensando che il compositore l’abbia scritta per sua madre e che io, ora, la dirigo pensando alla mia che non c’è più e per mio padre, ha ancora più significato. “.

IN MEMORIA DELLE VITTIME DEL COVID – Evento a ingresso gratuito: la biglietteria serale sarà operativa a Palazzo Farnese per due ore, nel giorno dell’evento, da tre ore prima a un’ora prima dell’inizio della rappresentazione. In alternativa, è possibile rivolgersi alla biglietteria di Teatro Gioco Vita, in via San Siro 9, aperta da mercoledì a sabato dalle 10 alle 13 (tel. 0523-315578, biglietteria@teatrogiocovita.it).

Sabato 12 giugno, ore 21

Un’orchestra di 26 elementi, in buona parte componenti dell’Orchestra Farnesiana, professionisti che esercitano la loro attività musicale al Teatro Alla Scala di Milano, all’Arena di Verona, al Maggio Musicale Fiorentino, eseguirà alcuni brani di Vivaldi, Mozart, Mascagni e Bach. L’Orchestra si esibirà per un’ora e mezzo circa, sotto la direzione alternata di due maestri, uno dei quali esordiente. Si aggiungono alla Farnesiana, illustri ospiti di chiara fama, come il violino solista Marco Fornaciari, già primo violino dei Solisti Veneti, che ha suonato nei più prestigiosi teatri del mondo; Leonardo Colonna, professore per molti anni al Conservatorio “G. Nicolini” e primo contrabbasso Alla Scala e
Lorenzo Missaglia, ex direttore del “Nicolini”. Dirigeranno l’orchestra i maestri Antonio De Lorenzi, già direttore dell’Ogve e dell’Orchestra Toscanini, nonché docente del conservatorio Nicolini (dirigerà Vivaldi e Mozart) e Andrea Bricchi
al suo esordio (dirigerà i brani di Mascagni e Bach).

Bricchi è ingegnere, imprenditore e manager, con la passione per la bellezza, l’arte e la musica. E’ tenore dilettante, pianista e ha composto brani di musica classica e leggera, tra cui una “Messa da Requiem” per orchestra, coro, organo e soprano, per rendere omaggio alla madre, deceduta per Covid nel 2020 a cui il concerto è intimamente dedicato. La “Messa” scritta da Bricchi è stata scelta come brano d’apertura del Festival Internazionale Mascagni, a Livorno, nel settembre 2020. L’ingresso sarà libero, nel rispetto comunque delle normative anti-Covid.

Associazione Pierluigi Bricchi per i bambini – L’iniziativa è a cura dell’Amministrazione Comunale di Piacenza, della Fondazione Teatri, ed è supportata dal contributo della Banca di Piacenza e di alcuni altri partner. L’Associazione Pierluigi Bricchi per i bambini è nata nel 2017, porta il nome del padre di Andrea, ha sede a Castel San Giovanni e si occupa di progetti pedagogici a sostegno dei bambini e degli studenti già dai primi mesi di vita fino ai percorsi di perfezionamento post universitari: l’Associazione – spiega Bricchi – ha anche una funzione di ascolto, sostegno e assistenza morale, accompagnamento e inserimento sociale. Si prefigge di aiutare i bambini e i ragazzi in difficoltà, proteggerli da ogni violenza e sopruso. L’Associazione ha donato alle scuole di Castelsangiovanni oltre 50 tra violini e violoncelli;
ha allestito un’apposita aula di musica e ha sostenuto insegnanti diplomati del Conservatorio per insegnare musica ai bambini in orario curricolare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.