Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Rotary

I volontari Rotary scendono in campo nella campagna vaccinale: siglata l’intesa ‘We Stop Covid’ foto

Dopo mesi dolorosi ed estenuanti, grazie ad una campagna vaccinale che procede a ritmi serrati, anche a Piacenza si inizia a vedere la luce – si spera definitiva – nella lotta al covid.

Un ulteriore sostengo al personale sanitario arriverà dai Rotay Club del Gruppo Piacentino, in collaborazione con il Distretto 2050: in accordo con l’Ausl di Piacenza è stato infatti firmato un protocollo d’intesa che prevede l’impiego di volontari in diverse attività – sia di tipo medico che di accoglienza, smistamento, raccolta e compilazione protocolli – all’interno degli hub vaccinali provinciali. La firma dell’accordo per il via del nuovo progetto – rinominato “We Stop Covid” –  è avvenuta nella mattinata del 4 giugno, presso la sala biblioteca del nucleo antico dell’Ospedale di Piacenza.

“Da mesi il personale impegnato nelle vaccinazioni non conosce riposo, per questo il supporto del Rotary è così importante” ha affermato Luca Baldino, direttore generale dell’Ausl -. Anche grazie al volontariato, che è la ricchezza più grande, stiamo finalmente uscendo da questa pandemia”. Per dar man forte ai dipendenti Ausl nelle vaccinazioni, attualmente hanno dato la disponibilità una trentina di persone. Secondo quanto si legge dal protocollo, alcuni si occuperanno di supportare la “gestione dell’afflusso dell’utenza all’interno e all’esterno dell’hub vaccinale”, altri – “volontari medici ed operatori nel settore sanitario abilitati ad eseguire le vaccinazioni” – saranno invece impiegati direttamente nell’ “attività vaccinale”; altri ancora, se idonei a farlo, nelle “attività di assistenza al medico”.

“In Italia a volte è complicato fare cose semplici, ma con queste convenzione riusciamo ad essere operativi velocemente ed eliminando un po’ di burocrazia – ha sottolineato Maria Grazia Sabato, Past President del Rotary Club Piacenza Sant’Antonino e delegata di zona dell’Unità di Protezione Civile – . A noi del Rotary piace essere presenti concretamente sul territorio, intervenendo dove ci sono difficoltà”. Presenti alla firma dell’accordo anche altri membri del Rotary: Claudio Cambedda, referente dell’unità di protezione civile per il Distretto 2050, Walter Casali, Mauro Gandolfini e Giancarlo Gerosa, quest’ultimo in rappresentanza del Governatore del Distretto 2050 Ugo Nichetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.