Quantcast

Nuova rassegna musicale a Spazio 4.0, tre serate live a luglio

Più informazioni su

Dappertutto è “un gruppo di persone in rotta di approssimazione verso qualsiasi cosa, in ciascun momento, in qualsiasi luogo, quando e come meno te l’aspetti, prima ancora di volerlo”.

Si definisce così il collettivo organizzatore di eventi e creatore di DAPPERWARE, la web radio trasmessa in questi mesi di “astinenza da live” dagli studi di Spazio4.0, il Centro di Aggregazione Polivalente del Comune di Piacenza. Qui vengono registrate le puntate del “contenitore radiofonico per proseguire in musica, chiacchiere, ospiti, gag, attualità il percorso creativo di Dappertutto frenato dalla pandemia”, e sempre qui, ora che è finalmente possibile tornare ad ascoltare la musica dal vivo, è nata l’idea di organizzare una rassegna musicale per la stagione estiva.

Spiega Manuel Cesana: “Un evento di dimensioni tutt’altro che trascurabili ci ha inflitto una pausa prolungata. Come non provare dunque a lasciarsi tutto alle spalle ripartendo dalle abitudini quasi dimenticate, dalle cose che ci piacciono?” Aggiungono Sara Nassani e Federica Amoruso: “Per risvegliare l’arto addormentato dell’immaginazione abbiamo selezionato una chicca estiva, la prima di una serie che abbiamo l’onore di organizzare in collaborazione con Spazio4.0” La rassegna si chiama provocatoriamente “Chi ha ancora bisogno dei concerti? I concerti non servono a niente!”, una sorta di “ritorno all’inutile”, ci spiegano, e a necessità non materiali, ma sociali e aggregative, per uscire dalla “cornice degli schermi, ormai deputati ad assolvere la funzione di ponte tra le persone, terrorizzate dalla reciproca vicinanza”.

Sabato 10 luglio sarà una serata dedicata al genere emo-core: si parte con i milanesi Radura e il loro “emo sinottico”. La prima volta a Piacenza per loro, l’occasione per ascoltare il loro album “Effetto Della Veduta D’Insieme”. Con loro la stessa sera i piacentini VOTTO, definiti dai Dappertutto “giovani emocorers in forma smagliante, con un lavoro nuovo in canna e l’astinenza da palco che monta”. Sabato 24 luglio sarà dedicato al genere doom sperimentale, una serata definita come “esoterica” con gli emiliani DOLPO fra muri sonori, due batterie e corni tibetani, con in apertura la messianica polistrumentista Lili Refrain da Roma. In via di definizione invece la line-up per la serata del 30 luglio: quello che gli organizzatori possono anticipare è che ci sarà spazio per live freschi ed estivi, in quello che sarà il party di chiusura.

Le serate si aprono alle 20.30 e terminano all’una: l’ingresso è gratuito, ma i posti sono limitati, per cui è consigliato arrivare per tempo o prenotare attraverso un form dedicato che sarà reso noto a breve sui social dei Dappertutto ( Instagram @dappertutto, Facebook Dappertutto666). Per rispettare la normativa anti-Covid, che prevede che gli spettatori debbano stare seduti – indossando la mascherina e rispettando il distanziamento – saranno presenti dei tavoli con sedute nello spazio esterno a Spazio4.0. Sarà possibile ordinare cibo e bevande.

Per info: www.comune.piacenza.it/spazio4 e profili social di Spazio4.0: pagina Facebook Spazio4 Piacenza e account Instagram @spazio4piacenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.