Quantcast

Partiti a Carpaneto i centri estivi “Fondi del Comune per calmierare le rette”

Più informazioni su

Hanno preso il via da qualche giorno a Carpaneto i centri estivi per bambini e ragazzi.

“Anche quest’anno – afferma il sindaco Andrea Arfani  l’offerta è ampia e diversificata, con centri disponibili per tutte le fasce d’età, e con tipologie di servizio differenti. Anche quest’anno, come l’anno scorso, l’organizzazione ha dovuto fare i conti con i protocolli sanitari, imposti dalla normativa statale e regionale, a causa del rischio pandemico ancora esistente. Esattamente come l’anno scorso, però, questo non ha impedito di costruire servizi intelligenti, volti a mettere a disposizione delle famiglie offerte ludiche ed educative assolutamente all’altezza.
Tra le conseguenze che l’applicazione di questi protocolli porta, vi è l’aumento dei costi del servizio, a causa dei maggiori oneri cui sono sottoposti i gestori, e del minor numero di ragazzi che possono ospitare. Questo avrebbe potuto comportare un ostacolo all’accesso ai centri, per alcune famiglie”.

Per questo il Comune di Carpaneto – replicando quanto già realizzato lo scorso anno – mette a disposizione parte dei Fondi Covid statali (50mila euro), per calmierare le rette: “Per le fasce d’età 3-6 anni – spiega Arfani – mettiamo a disposizione 60 euro a bambino per ogni settimana per il tempo pieno e 30 euro per chi sceglie la mezza giornata. Per la fascia 6-13 anni, il contributo settimanale a persona per il tempo pieno è di 45 euro, di 25 euro per il tempo ridotto. Questo beneficio viene attivato direttamente con i gestori: la famiglia quindi verserà solo la differenza tra la quota applicata dal centro e il contributo comunale. Di tutto questo voglio ringraziare, insieme a tutti i Colleghi dell’Amministrazione che hanno speso le proprie capacità per rendere ciò possibile, il Servizio Sociale dell’Unione Valnure Valchero, rappresentato dalla dott.ssa Paola Capra, e il Servizio Scuola del Comune di Carpaneto, con la Responsabile Roberta Cristalli”.

Venerdì scorso l’amministrazione comunale si è recata in visita al Centro estivo Hurrà magic Village, alle Scuole elementari, “per augurare ai giovani ospiti buon divertimento, e agli educatori e agli animatori un sincero riconoscimento per il loro lavoro”. “‘Hurrà magic village’ è intitolato il centro estivo ed in realtà la prima esclamazione che viene da dire appena si entra alla primaria e si vedono tanti bambini, ragazzi ed educatori è proprio Hurrà – le parole dell’Assessore alle Politiche giovanili Paola Campopiano -. Hurrà per il quasi ritorno alla normalità, hurrà per la felicità impressa sui volti dei bambini, hurrà per l’energia degli educatori, hurrà perché siamo riusciti ad aiutare le famiglie in questo periodo non semplice per molti. “La felicità è un percorso, non una destinazione” recita una famosa frase: che dire, il percorso dei nostri giovani al centro estivo è la felicità”.

L’Assessore alle Politiche Sociali Maria Cristina Castagnetti: “La cosa più importante è vedere che le nostre bambine e i nostri bambini, le nostre ragazze e i nostri ragazzi, possono tornare a condividere il tempo estivo. Tempo di giochi, di compiti, ma soprattutto di divertimento. Dopo mesi trascorsi in casa, ora è il momento di tornare fuori, per divertirsi e crescere insieme”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.