Quantcast

Piacenza prima provincia in regione per numero di stranieri. A Castello sono oltre il 20% degli abitanti

Più informazioni su

L’Emilia Romagna si conferma la prima regione in Italia per incidenza di stranieri residenti, seguita dalla Lombardia.

Lo certificano i numeri del nuovo rapporto dell’Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio, promosso da Regione Emilia Romagna, Anci e Istituto “Cattaneo” e presentato durante un webinar nel corso del quale è intervenuta anche la vicepresidente della Regione Elly Schlein. In dettaglio – scrive l’agenzia Dire – si tratta di quasi 563.000 cittadini risultati all’1 gennaio 2021, pari al 12,6% della popolazione (contro l’8,4 della media nazionale) e in leggero aumento rispetto al 2019, quando erano 551.000 e rappresentavano il 12,3% degli emiliano-romagnoli.

Se si osserva la distribuzione provinciale l’incidenza più significativa si evidenzia, come negli anni passati nelle province di Piacenza (15,1%), Parma (14,7%), Modena (13,6%), Reggio Emilia (12,6%). Ultima in classifica la provincia di Ferrara. Gli stranieri – riporta sempre l’agenzia Dire – vivono e lavorano in genere nei Comuni capoluogo, ma non mancano le eccezioni: a Castel San Giovanni nel piacentino, o a Langhirano e Calestano in provincia di Parma, sono oltre il 20% degli abitanti. In generale nel 2020 oltre un Comune su quattro in regione ha il 13% di popolazione straniera.

170 le nazionalità presenti sul territorio regionale con in testa cittadini provenienti da Romania, Marocco e Albania (che insieme “valgono” il 50% degli immigrati), ma con presenze consistenti e in crescita di persone dall’Ucraina e dalla Cina. Gli stranieri, conferma ancora l’analisi della Regione, sono giovani (l’età media è sopra i 35 anni contro i 48 degli italiani) e donne (il 53%). Per quanto riguarda i minori, quelli stranieri sono oltre 120.000 e costituiscono il 21,4% del totale degli stranieri residenti e il 17,2% del totale dei minori residenti in regione. Il 74% dei bambini stranieri (95.000) è nato e cresciuto in Italia. I nati da coppie non italiane nel 2019 in Emilia-Romagna sono stati nel 2019 7.735, pari al 25%, esattamente un quarto, del totale dei nati quell’anno in regione (www.dire.it)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.