Quantcast

Un drone per disinfettare l’hub vaccinale: a Piacenza l’esperimento all’Arsenale

La disinfezione di un hub vaccinale grazie al drone. E’ accaduto a Piacenza dove nel centro vaccinale dell’Arsenale si è sperimentato l’utilizzo di un drone con una nuova tecnologia messa a punto da un’azienda di Rivergaro.

La logica – spiega l’azienda sanitaria – è stata quella di impiegare un drone dotato di un innovativo sistema di spruzzo. L’apparecchio, radiocomandato, durante il volo può atomizzare particelle di disinfettante a 0,3 micron con un particolare campo elettrico che permette al liquido di raggiungere in modo uniforme tutte le superfici all’interno degli ambienti. La soluzione biocida utilizzata è composta da acqua ossigenata totalmente biodegradabile e non corrosiva, che garantisce valori di disinfezione prossimi a LOG 7 (99,9%) di abbattimento patogeni esistenti.

Il volo sperimentale all’hub vaccinale in Arsenale è stato diretto da Lorenzo Palomba, pilota professionista arrivato appositamente da Cagliari per il test. “Il nostro sistema – ha spiegato l’ideatore Roberto Facchini Hernandez – è stato battezzato Hea (High efficiency atomization) e consente, attraverso sofisticati sistemi GPS, di tracciare millimetricamente l’attività di disinfezione fatta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.