Quantcast

Verso la zona bianca ma proseguono i controlli, 13 persone sanzionate nell’ultima settimana

Verso la zona bianca ma proseguono i controlli, 13 persone sanzionate nell’ultima settimana.

Lo comunica la Prefettura, nel dare un bilancio rispetto all’attività delle forze dell’ordine per quanto riguarda il rispetto delle normative anti covid. “Dal 1° giugno le nuove misure entrate in vigore consentono graduali modifiche al “calendario delle riaperture” per la ripresa delle attività economiche e sociali nelle “zone gialle” che comunque non prescindono dal pieno rispetto dei protocolli sanitari e delle linee guida, dal rispetto delle misure precauzionali e ancora dal senso di responsabilità che ognuno di noi deve continuare ad avere nelle attività quotidiane e nei contatti interpersonali – sottolinea la prefettura in una nota -. In questo quadro costante è l’attività del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica volta alla pianificazione delle attività di controllo sul territorio anche con particolare riguardo alle aree ritenute maggiormente esposte al rischio di sovraffollamento, nonché alle fasce orarie della “movida” e alle giornate festive e prefestive”.

Dal 31 maggio al 6 giugno le Forze di Polizia statali e locali hanno effettuato, nell’ambito delle attività generali di prevenzione e controllo del territorio, 569 servizi con l’impiego di 1240 uomini. Nello stesso arco temporale, nell’ambito dei controlli Covid, sono state controllate 1207 persone e 38 attività o esercizi commerciali ed accertate 13 sanzioni a carico di cittadini. Nel solo fine settimana del 5 e 6 giugno, sono state controllate 317 persone e 7 attività o esercizi commerciali. Complessivamente, dall’8 marzo 2020 sino al 6 giugno 2021 sono state controllate nella nostra provincia 133.949 persone e 7.907 esercizi pubblici e commerciali: nell’ambito di questa attività sono state sanzionate 4.319 persone, 95 gestori di esercizi commerciali (disponendo in 24 casi la chiusura provvisoria) e denunciate 11 persone per violazione della quarantena disposta dall’Azienda sanitaria.

“La ripresa – sottolinea la Prefettura – dipende anche dai nostri comportamenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.