Quantcast

Giornalisti e blogger alla scoperta dell’appennino piacentino foto

E’ partito con un Press Tour nei giorni 5, 6 e 7 luglio il progetto di promozione territoriale “Alt(r)a val Trebbia” che coinvolge quattro comuni dell’Appennino piacentino, Cerignale, Cortebrugnatella, Ottone e Zerba, visitati per l’occasione da giornalisti e blogger.

Monica Viani, responsabile idiemme Group del settore Press Tour, ha organizzato l’iniziativa che ha permesso ai partecipanti di visitare questi territori, scoprendone aspetti noti e meno noti, in una tre giorni intensa e ricca di emozioni che verranno trasferiti in scritti ed articoli, nonché su canali social. Ad accompagnarli sindaci e rappresentanti delle amministrazioni locali, alla scoperta di luoghi e scorci del nostro appennino in giornate organizzate dal coordinatore progetti idiemme Roberto Rossi, a sua volta presente al viaggio stampa: a Cerignale è stato il sindaco Massimo Castelli a dedicare l’intera giornata al gruppo in visita al paese; a Ottone è stato il consigliere comunale Marco Molinelli a fare da guida, mentre a Zerba sono stati Pietro Rebolini e Claudia Borrè, rispettivamente sindaco e vicesindaco del piccolo comune della val Boreca, i ciceroni che hanno accompagnato e raccontato curiosità e piccole storie di questa parte di terra piacentina, mostrando le bellezze di un sorprendente appennino, in una lunga, intera giornata.

Nel corso del Press Tour, giornalisti e blogger hanno visitato, vissuto e degustato in tutti i suoi aspetti questi piccoli borghi di montagna, lungo un itinerario che li ha portati alla scoperta delle loro risorse naturali e imprenditoriali, tra passeggiate e assaggi di prodotti locali, incontri e chiacchierate con anziani del luogo, soggiorni e degustazioni presso le strutture che sono state tappa di questo viaggio stampa. “Promuovere questo territorio – afferma Monica Viani – è una piccola mission, per la collocazione geografica distante dai più importanti centri urbani e per le risorse economiche sempre più ridotte. A questo si aggiunge la difficoltà di fare sistema, di cooperazione tra operatori, di collaborazione tra pubblico e privato. Solo Cerignale ha mostrato le carte in regola per vincere la sfida di questa ripartenza, mentre Zerba ha evidenziato di conoscerne i limiti e su questi sta lavorando. Ottone ha le maggiori potenzialità, ma manca di una visione di progetto condiviso con i cittadini. Marsaglia non pervenuta, poichè non ha dato seguito al Press Tour”.

Roberto Rossi, coordinatore progetti idiemme, a sua volta sottolinea che 
“da questa esperienza di incontro con il territorio è emersa chiara la necessità di un lavoro di formazione rivolto alle amministrazioni e alle imprese sul tema Turismo, tra progettualità e fattibilità. Un confronto aperto, utile per capire rischi e criticità, metodi ed opportunità, perchè possa nascere sull’Appennino piacentino una nuova consapevolezza, quella di una indispensabile sinergia, di una cooperazione attiva e propositiva, per guardare al futuro con fiducia ed entusiasmo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.