Quantcast

“Giovani talvolta più responsabili dei genitori nei confronti del vaccino” Pronte 38 mila dosi

“Dopo un inizio tiepido c’è stata un’accelerazione dei giovani che scelgono il vaccino, stiamo cercando di far arrivare il maggior numero possibile all’inizio delle scuole in una condizione di tranquillità”. Sono le parole del direttore sanitario dell’Ausl di Piacenza Guido Pedrazzini che ha illustrato lo stato della campagna vaccinale a Piacenza e provincia in occasione del tradizionale report settimanale sull’epidemia.

vaccini 28 luglio 2021

“Per questo stiamo attivando più spazi nell’agenda della campagna di vaccinazione, anche perchè in questo momento dalla prenotazione al vaccino passano solo pochi giorni. E’ molto interessante assistere allo scatto di responsabilità verso la vaccinazione di tanti giovani, talvolta è più il timore dei genitori a frenarli. Tuttavia, anche nella fascia dei 40-50enni, prima più resistenti, c’è stata una crescita di vaccinazioni”. Pedrazzini ha spiegato che a Piacenza e provincia la campagna di inoculazioni “prosegue a ritmi piuttosto serrati, con più di 2mila vaccini al giorno, fino a quota 2500 in alcuni giorni“. “Si sta concludendo la fase di luglio caratterizzata – ha evidenziato – dalle seconde dosi, adesso ci avviamo agosto con una nuova crescita delle prime dosi, abbiamo quasi 38mila vaccini da qui alla fine di agosto”.

vaccini 28 luglio 2021

Abbiamo vaccinato 64,3 % della popolazione, – ha fatto notare Pedrazzini – ma c’è ancora una congrua fetta di persone prenotate in attesa della prima dose, quelle appartenenti alle classi di età ammesse più tardi, inoltre c’è ancora coda persone over 70 e over 60, per questo andiamo avanti nel tentativo di convincere i renitenti delle fasce di età più a rischio. Dobbiamo raggiungere più persone possibile, la campagna continua in maniera intensa. Il 64,3 % ha fatto un vaccino, 55,4 % ha avuto la doppia dose, la nostra politica è finalizzata a reclutare soprattutto gli ultrasessantenni che mancano all’appello e per convincere i non prenotati. Quindi andiamo avanti con gli ambulatori vaccinali di prossimità, con le sedute itineranti in occasione di mercati o feste di paese, da qui alla fine di agosto sono circa 15 di appuntamenti e ad ogni appuntamento riusciamo a reclutare dai 20 alle 40 persone, ma è un’azione importante, che ci fa essere presenti sul territorio per persuadere. Abbiamo concluso un accordo coi medici di medicina generale che ci aiuteranno per reclutare ultimi 13-14mila over 60 non vaccinati, i medici hanno più frequenza di contatto con questa popolazione, confidiamo in questa iniziativa”.

vaccini 28 luglio 2021

In tema di vaccinazione del personale scolastico e della possibilità che venga istituito l’obbligo, Pedrazzini ha sottolineato come a Piacenza la campagna abbia funzionato bene: “Siamo all’80 % degli operatori scolastici immunizzati”.

Per gli operatori sanitari obbligati per legge al vaccino l’azienda sanitaria sta proseguendo l’analisi delle posizioni. Rispetto ai 1200 operatori interessati ne sono rimasti circa 290 che ancora non hanno adempiuto e sono stati invitati alla vaccinazione con la seduta già programmata. Di altre 150 persone si stanno valutando le motivazioni di carattere sanitario presentate contro la vaccinazione. In caso di diniego persistente e ingiustificato si profila la sospensione dal lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.