Quantcast

Peculato e falso, avvocato piacentino ai domiciliari “Appropriazione di 200mila euro”

Più informazioni su

Peculato, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso: sono le accuse nei confronti di un avvocato piacentino, che si trova ora agli arresti domiciliari su ordine del Gip Fiammetta Modica.

A riportare la notizia l’agenzia Ansa. I fatti contestati vanno dal 2016 fino al 2019: secondo le accuse il professionista, nei cui confronti il pm Matteo Centini aveva chiesto il carcere, avrebbe gestito in modo ‘padronale’ alcune societa’ che amministrava, appropriandosi di oltre 200mila euro e influendo con “condotte fraudolente e ostruzionistiche” sulle gare indette per vendere rami di azienda. Il Gip ha anche disposto il sequestro di 235mila euro, considerata la somma di cui l’uomo si sarebbe illecitamente appropriato. Il piacentino avrebbe inoltre turbato le gare, allontanando o di fatto impedendo la partecipazione di concorrenti che avrebbero formulato offerte superiori a quelle in concreto realizzate, a detrimento delle procedure stesse. Agli atti ci sono anche spese per pranzi, acquisti di salumi e formaggi, nell’ordine di un migliaio di euro, considerati “esborsi per fini personali con i soldi delle societa’ amministrate”.

Indagata a piede libero – riporta sempre l’Ansa – anche una donna, a cui il professionista avrebbe assegnato incarichi nonostante non avesse le competenze in materia contabile e fiscale. Per lei è stata respinta la richiesta di custodia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.