Quantcast

Piace, nuova stagione al via “Nessuna promessa, ma lavoriamo per un futuro ambizioso” foto

Più informazioni su

Impegno, responsabilità, serietà. Sono queste le parole ricorrenti che, nella mattinata del 9 giugno, hanno accompagnato la conferenza stampa del Piacenza Calcio in vista del raduno della stagione 2021/2022. Una stagione che vedrà i biancorossi impegnati ancora una volta nel campionato di Serie C, dopo il 12esimo posto dello scorso anno.

Dalla società nessuna promessa ai tifosi, ma piuttosto l’impegno a migliorarsi un passo alla volta. Senza fare voli pindarici. “Siamo finalmente ai nastri di partenza di una nuova stagione: ringrazio soci, sponsor e istituzioni perché oggi il professionismo a Piacenza non è una cosa scontata, come non lo è in Italia – ha rimarcato ai microfoni dei giornalisti il Direttore Generale Marco Scianò -. Sono orgoglioso del Piacenza Calcio, per me è la decima stagione qui. Nei giorni scorsi abbiamo salutato Paolo Porcari, un amico e grande professionista che passa alla segreteria del Milan: testimonianza che il nostro è un ambiente che sviluppa giovani dirigenti emergenti, non solo calciatori. Al suo posto arriva Federico Peano, un altro giovane che si unisce ad un ufficio di ragazzi di valore”. Scianò ha quindi parlato degli obiettivi della stagione “Siamo pronti, dimostreremo ai nostri tifosi tanto impegno e responsabilità. Cercheremo di fare un buon campionato, conquistando la salvezza il prima possibile, quindi cercando di migliorarci rispetto all’anno passato, senza però fare nessuna promessa. I tempi sono difficili e oggi avere una società seria e sana è un indice di grande credibilità: i tanti sponsor che si avvicinano a noi testimoniano come il Piacenza stia crescendo”.

VIDEO – LE PAROLE DEL DG SCIANO’ E DEL PRESIDENTE PIGHI

Scianò “Priorità mettere in sicurezza il club” – Due quelli presentati durante la conferenza stampa. “Si uniscono a noi Humangest e Decalacque, il cui titolare Alessandro de Santis è anche entrato nel Cda. Un Cda di persone che lavoreranno attivamente per il Piacenza: dobbiamo trovare nuove risorse, nuovi soci e rendere il Piacenza Calcio attrattivo. Questa non è una società di proprietà di qualcuno, ma è dei piacentini, della città e delle istituzioni. Noi siamo semplicemente dei custodi; mantenere una squadra nel professionismo nel 2020 non è scontato: scordiamoci gli anni ’80 della serie C. Oggi è un mondo diverso, in cui girano cifre diverse: avere una squadra iscritta con questa energia è davvero stimolante, per costruire magari un futuro più ambizioso. La priorità – ha evidenziato ancora Scianò – è mettere in sicurezza il Piacenza Calcio”.

Piacenza Calcio - Conferenza 2021-2022

Dubickas si presenta “Qui per la storia e i tifosi” – L’attenzione ai conti non significa però immobilismo sul mercato: l’ultimo colpo in entrata è stato l’attaccante Edgaras Dubickas, preso a titolo definitivo dal Lecce. Il centravanti lituano è stato presentato durante la conferenza stampa. “Ho scelto Piacenza perché è una piazza con una bella storia, con grandi tifosi che credo ci daranno una grande mano e saranno il dodicesimo uomo in campo – le sue parole -. Sono un attaccante a cui piace giocare veloce, palla bassa e al massimo uno-due tocchi”.

Conferenza Piacenza Calcio - stagione 2021-2022

“Sarà un mercato lungo” – L’attacco è il reparto su cui si concentrerà maggiormente l’attenzione del club. “Innanzitutto bisogna rimarcare che c’è una lista di massimo 24 giocatori tesserati, comprendendo i giovani, quindi ogni acquisto deve essere ben ponderato – ha detto Scianò -. Ci sono le uscite da sistemare, sarà un mercato lungo, che andrà avanti anche ad agosto e quindi molte mosse ce le riserveremo per momenti successivi. Non è un segreto che faremo qualcosa in attacco, per rafforzare il reparto oggi composto, oltre che dal nuovo acquisto Dubickas, da Gonzi, Lamesta e Pini”.

Conferenza Piacenza Calcio - stagione 2021-2022

Stadio, accordo biennale per la concessione del Garilli – Il presidente Roberto Pighi ha invece affrontato la questione stadio. “Un mese fa abbiamo raggiunto con il Comune un accordo complesso ma costruttivo per quanto riguarda la concessione dello stadio Garilli – e delle sue strutture periferiche – per i prossimi due anni. Di questo sono soddisfatto, e voglio ringraziare l’amministrazione comunale. La partenza è stata molto complessa, perchè quest’anno il Comune si trova in situazione di gettiti molto più modesti rispetto al passato. I costi di gestione del Garilli sono elevati, soprattutto per gli evidenti problemi che hanno le strutture molto vecchie come questa. Da una parte ci aspettavamo maggior aiuto, ma aver trovato un accordo in tempi relativamente veloci dimostra che dall’amministrazione c’è un’attenzione particolare verso di noi e, da parte nostra, comprensione verso di loro”.

Pighi “Il nostro segreto è la qualità dei soci” – Da Pighi sono arrivate poi ulteriori rassicurazioni sulla stabilità finanziaria del club. “Il segreto di questa società è la qualità dei soci – ha affermato -; abbiamo delle persone che hanno dimostrato di voler condividere con me le responsabilità finanziare del Piacenza. Ringrazio lo staff organizzativo del Piacenza e Paolo Porcari: per me era un riferimento importantissimo, mi auguro che il nuovo arrivato sia capace, col giusto tempo, di raggiungere gli stessi standard di efficienza il prima possibile. A Piacenza abbiamo dei dirigenti che le grandi squadre ci invidiano molto – ha aggiunto -: Francesco Fiorani è un manager bravissimo, Scianò lo considero un fuoriclasse in transito, spero il più a lungo possibile. Sono contento di lavorare con serenità e grande voglia di migliorare, perchè sono circondato da persone capaci, perbene, oneste e generose”.

A caccia di soci nella finanza milanese – Per far crescere in maniera virtuosa il Piace, Pighi tiene aperte le porte a nuovi soci. “L’allargamento della base societaria è sicuramente il focus della nostra attenzione – ha spiegato -, ci stiamo rivolgendo non solo all’imprenditoria piacentina, ma anche ad altri settori, in particolare al mondo della finanza milanese che in questi ultimi anni sta investendo molto nello sport”. “Ai tifosi – il suo messaggio finale – mi sento di dire che siamo persone responsabili e manterremo perfetto questo giocattolo: chiunque ci voglia aiutare può quindi stare tranquillo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.