Quantcast

“Sto morendo, voglio lasciarti 300mila euro in eredità”, ma era una truffa. Denunciato 57enne

“Sto morendo, voglio lasciarti 300mila euro in eredità”, ma era una truffa. Denunciato 57enne residente in provincia di Lecce, grazie ad indagini svolte dalla squadra mobile della questura.

A dare il via agli accertamenti la denuncia, sporta da un piacentino di mezz’età, incappato in quello che è risultato essere un tentativo di truffa. Nel mese di febbraio, un uomo conosciuto in chat lo aveva informato di essere malato terminale e di volergli lasciare tutti i suoi beni, per un valore di circa 300mila euro, non avendo eredi. Il piacentino è stato poi contattato da un sedicente avvocato, che si professava legale del malato e gli ha chiesto di fornire copia di documenti ed estremi del conto corrente per avviare le pratiche di successione. Ottenuti i documenti, l’avvocato avrebbe poi chiesto anche un anticipo da qualche centinaio di euro, al fine di coprire le spese testamentarie. Insospettitosi per quest’ultima richiesta, il piacentino si è quindi recato in Questura, per formalizzare una denuncia per tentata truffa.

Le indagini della Squadra Mobile hanno portato ad individuare un cinquantasettenne leccese, poi denunciato all’Autorità Giudiziaria perché sarebbe stato incaricato della riscossione dei proventi di questa particolare tipologia di truffa e del successivo trasferimento dei fondi così illecitamente ottenuti a complici residenti all’estero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.