Quantcast

A lezione di rianimazione con la Pubblica Valtrebbia

Venerdì 30 luglio la Pubblica Assistenza e Soccorso “Valtrebbia” di Travo ha organizzato per la cittadinanza diversi corsi teorico-pratici gratuiti di rianimazione cardio-polmonare di base e defibrillazione precoce. I corsi si sono tenuti della Sala Polivalente che il Comune di Travo ha messo a disposizione e sono stati seguiti da 44 persone che hanno conseguito le relative attestazioni.

La Pubblica travese è stata “felicemente sorpresa” da una tale adesione e legge una richiesta così numerosa da parte della popolazione come un “bellissimo segno dell’accresciuta sensibilità nei confronti della formazione sanitaria di base. Si tratta di competenze di cittadinanza irrinunciabili, all’interno delle quali occupa una posizione di assoluta priorità la cultura della defibrillazione precoce”. Non sfugge inoltre la coincidenza che la ripresa dei corsi alla cittadinanza, proprio sull’uso del defibrillatore, sia caduta nella medesima settimana in cui il Parlamento italiano ha varato una legge importante in materia. “Unico rammarico – spiegano – è stata l’impossibilità di accettare tutte le richieste d’iscrizione, anche in considerazione della necessità di operare in un contesto di distanziamento sociale”. La Pubblica Assistenza travese ha così deciso di replicare l’iniziativa, organizzando un nuovo corso per l’inizio di settembre, le cui iscrizioni si chiuderanno lunedì 2 agosto.

defibrillatore Pubblica Valtrebbia

A settembre infine è previsto il corso di primo intervento sanitario, rivolto a tutti coloro che desiderano accostarsi al volontariato in Pubblica Assistenza. Le richieste del territorio, infatti, sono in continuo aumento e costante è la ricerca di persone che si mettano a disposizione della comunità per il tempo che ritengono e per i servizi che maggiormente sentono vicini alla propria indole. La Pubblica Assistenza “Valtrebbia” ha infatti numerosi e assai diversi servizi in cui un cittadino può decidere di impegnarsi: dall’accompagnamento di persone non autosufficienti, al trasporto di infermi e di dializzati, alle attività di Protezione civile, ai servizi di soccorso in convenzione con l’Azienda Sanitaria di Piacenza. Insomma: c’è posto e bisogno di tutti.

defibrillatore Pubblica Valtrebbia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.