Quantcast

Dalla Sei Giorni delle Rose all’oro olimpico, il cammino trionfale del quartetto azzurro di ciclismo

Dalla Sei Giorni delle Rose di Fiorenzuola fino alla medaglia d’oro – con record del mondo – alle Olimpiadi di Tokyo.

E’ il cammino trionfale di Simone Consonni, Filippo Ganna, Francesco Lamon, Jonathan Milan, il quartetto azzurro che in Giappone si è aggiudicato il primo posto nell’inseguimento a squadre maschili di ciclismo su pista. Atleti di livello assoluto, che oltre a condividere il successo olimpico hanno in comune il fatto di aver gareggiato, almeno una volta, ad una competizione ufficiale al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda, l’arena che ospita la Sei Giorni delle Rose.

Consonni, Ganna, Lamon e Milan hanno vinto l’oro con il tempo di 3’42”032, migliorando il primato stabilito nella gara precedente, 3’42”307, e superando in finale la Danimarca di soli 166 millesimi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.