Quantcast

Università, Tagliaferri (FdI) “Garantire la didattica mista per la piena fruibilità delle lezioni”

“Garantire la didattica mista nell’anno 2021/2022 al fine di garantire a tutti la piena fruibilità delle lezioni universitarie”.

Lo chiede il consigliere regionale piacentino di Fratelli d’Italia Giancarlo Tagliaferri con un’interrogazione che “mira a distinguere con grande chiarezza tra didattica a distanza e didattica mista”. “La didattica mista – spiega Tagliaferri – ossia la simultanea erogazione degli insegnamenti universitari in presenza e in diretta streaming, con la possibilità di salvare le lezioni e di renderle fruibili anche successivamente agli studenti tramite l’utilizzo di un’apposita piattaforma, rappresenta una modalità di erogazione della didattica che, se adottata in modo strutturale, permetterebbe ad un numero molto superiore di studenti universitari di seguire le lezioni tenute dai docenti, migliorando così loro le possibilità di apprendimento. Una pratica ampiamente utilizzata nel mondo accademico americano e nordeuropeo e che è ampiamente riconosciuta in molti atenei privati italiani e in importanti master post laurea. Qualcosa di ben differente, quindi dalla didattica a distanza assurta agli onori delle cronache con le varie misure restrittive che si sono rese necessarie per combattere la diffusione del Covid”.

“Tutto ciò che rientra nel variegato mondo della didattica a distanza – spiega ancora l’esponente di Fratelli d’Italia – tra cui la didattica mista, non deve in alcun modo porsi come metodo d’insegnamento sostitutivo delle lezioni in presenza, ma deve essere percepita e fruita come integrazione delle normali lezioni, volta ad agevolare soprattutto le categorie di studenti più fragili o quelli che seguono corsi in cui è prevista la frequenza e non possono essere presenti di persona alle lezioni”. Oltre all’esortazione nei confronti dell’esecutivo regionale, Tagliaferri invita poi la Giunta “a farsi portavoce di queste istanze presso il Governo nazionale affinchè anche il Ministro dell’Università fornisca chiare indicazioni agli Atenei italiani circa l’opportunità dell’erogazione della didattica in forma mista”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.