Quantcast

Al Farnese protagonista la lirica: omaggio a Caruso e ai grandi del “bel canto”

Splendida serata quella organizzata dagli “Amici della Lirica”, circolo filolirico diretto dall’intraprendente e dinamica Giuliana Biagiotti, a Palazzo Farnese e dal titolo piuttosto singolare “Il tenore: eroe o vittima…e ricomincia il canto” dedicato alla figura del tenore lirico in occasione di una particolare circostanza: la ricorrenza del centenario della morte del grandissimo Enrico Caruso e la contemporanea nascita di coloro che saranno considerati i più degni eredi del leggendario cantante napoletano, ovvero Franco Corelli, Giuseppe Di Stefano ed il piacentino Gianni Poggi.

Amici della Lirica Farnese

Sul palcoscenico l’elegante Giulia Baffi leggeva storie, aneddoti ed episodi della vita dei grandi tenori sopra citati mentre, accompagnati dall’Orchestra Filarmonica Italiana diretta con impareggiabile bravura da Sebastiano Rolli, i tenori Giulio Pelligra, Alessandro Fantoni e Matteo Lippi interpretavano con mirabile bravura ed intensità vocale celebri romanze tratte dalla Lucia di Lammermoor, La Forza del Destino, Un ballo in maschera, Guglielmo Tell, Norma,, Cavalleria Rusticana, Boheme, Rigoletto, Romeo e Juliette, Tosca, La Fanciulla del West, Turandot, Luisa Miller ed i Vespri Siciliani, oltre a canzoni popolari come “Non t’amo più” per concludere con “O sole mio” cantata a tre voci.

Il mattatore della serata, però, è stato un’altra celebrità tra i protagonisti che hanno segnato la storia del bel canto italiano in tutti i migliori teatri del mondo, nostro Municipale compreso: il tenore Beniamino Prior, ospite d’onore premiato con una targa ricordo ed esibitosi in una applauditissima “Recondita Armonia” accompagnato alla fisarmonica da Claudio Mattioli ed accolta da interminabili applausi a sottolineare la magistrale tecnica di canto di questo 80enne tenore oltretutto dotato di grande comunicativa e simpatia. A conclusione della serata, per ricordare la recente scomparsa di Carla Fracci la ballerina di danza classica Marta Marcelli, accompagnata sempre da Claudio Mattioli, si è esibita in una apprezzabile danza sulla musica della canzone “Caruso” di Lucio Dalla.

Luigi Carini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.