Quantcast

Alla Passerini Landi un fondo di 260 volumi dalla Biblioteca albanese “29 novembre”

Sarà inaugurato alla presenza dell’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi e di Alberto Spagnoli, giovedì 23 settembre alle 16.30, al piano terra della Biblioteca Passerini Landi, lo scaffale dedicato a Paola Guerra della Biblioteca albanese “29 novembre”.

A seguito dell’accordo, firmato qualche mese fa, tra l’istituzione culturale fondata nel 1993 e il Comune di Piacenza, viene infatti messo a disposizione della cittadinanza un prezioso fondo di 260 volumi, per la maggior parte in lingua albanese, che andrà a costituire uno scaffale intitolato a Paola Guerra. Prematuramente scomparsa nel 2014, fu curatrice e fondatrice insieme ad Alberto Spagnoli della Biblioteca albanese che rappresenta, con la sua dotazione di oltre 2000 libri, la collezione più importante in Italia riferita al Paese balcanico. Gran parte dei volumi sarà disponibile nella zona dello scaffale aperto al piano terra della Passerini Landi, nella sezione dedicata ai testi in lingua straniera, mentre le edizioni più rare e preziose saranno conservate a magazzino, prevedendo comunque per tutti i libri la possibilità di consultazione e prestito. Il fondo destinato alla Biblioteca comunale Passerini Landi riflette i molteplici aspetti della cultura e della realtà albanese: di particolare rilievo, tra i volumi specialistici, la sezione dedicata alla linguistica albanese, che per la sua vastità costituisce un unicum in Italia.

Paola Guerra (1951-2014) ha vissuto nel Paese balcanico alla fine degli anni ’70, lavorando come giornalista e speaker nella redazione italiana a Radio Tirana. E’ autrice di nove tra dizionari e manuali attinenti la lingua albanese, tra cui il dizionario di albanese/italiano-italiano/albanese per Vallardi e l’edizione compatta dell’omologo volume pubblicata da Zanichelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.