Quantcast

Bakery tiene botta per tre quarti, Cantù scappa nel finale (59-85)

Più informazioni su

Dopo l’agguerrito derby vinto contro Assigeco, la Bakery Piacenza si arrende a Cantù nel secondo turno del mini girone di qualificazione alla fase finale di Supercoppa.

Coach Campanella schiera Bonacini, Raivio, Lucarelli, Donzelli, Morse, Sodini risponde con Johnson, Allen, Severini, Da Ros, Bayehe. Parte forte Cantù con un bel fade away di Da Ros al quale risponde sul fronte offensivo Anthony Morse. Dopo 5 minuti di gioco, segnati da tanta intensità da entrambi i lati, il tabellone recita 7-11 per Cantù; grande inchiodata di Lucarelli e il duo Raivio-Morse permettono alla Bakery di accorciare fino al 13-19. Un canestro di Nikolic chiude il primo quarto sul 13-21 per gli ospiti; ritmi da campionato vero e nulla a che vedere con la scorsa partita, dove entrambe le squadre si erano studiate per larghi tratti della partita.

I secondi dieci minuti di gioco si aprono con un 2/2 dalla lunetta per Sacchettini ma Cantù si fa trovare pronta con Bucarelli che punisce dall’angolo. La premiata ditta Raivio-Morse conferma l’intesa vincente e permette alla Bakery di accorciare sul -6; dalla sua Cantù può vantare una panchina molto profonda che, guidata da Nikolic e Bucarelli, permette agli ospiti di allungare fino al 22-31. Da segnalare purtroppo l’assenza forzata di Donzelli, fermato nei primi minuti di gioco da un fastidio al piede; la sua mancanza viene sapientemente colmata da Riccardo Chinellato che porta una buona dose di intensità a rimbalzo e sul fronte difensivo. Una gran bella Bakery fa girare la palla in maniera eccellente, trovando canestri comodi da sotto che permettono ai biancorossi di chiudere il parziale a sole 6 distanze, 32-38. Mini parziale di 4-0 per i canturini che provano l’allungo ma Raivio si infiamma e ricuce il distacco, già 12 i punti per l’americano.

Avvio di quarto targato Cantù che tocca le 12 lunghezze di distacco ma finalmente accende i motori il play Davide Bonacini che con due sottomani mancini riaccende l’entusiasmo dei suoi compagni e dei numerosi tifosi piacentini occorsi a sostenere la squadra. Gli ospiti non ci stanno, sale in cattedra Robert Johnson, che guida i suoi fino al 47-58, 13 i punti personali per lui. Come visto nel quarto precedente lo scossone iniziale arriva dai canturini, parziale di 7-1 per loro che costringe coach Campanella a interrompere il gioco. Il timeout non porta gli effetti sperati e Cantù fugge via sul 52-69; al momento poco da recriminare ai biancorossi che stanno lottando su tutti i possessi, bravi gli ospiti a segnare anche diversi tiri forzati. Come spesso accade, la carica emotiva per i biancorossi arriva da Michael Sacchettini che taglia fuori abilmente il suo uomo e appoggia subendo il fallo. Due tiri da tre punti di Johnson e Allen spengono definitivamente le speranze piacentine, facendo toccare il massimo vantaggio per gli ospiti, +24. Gli ultimi secondi scorrono via senza particolari degni di nota, 59-85 per Cantù che con un’intensità di categoria superiore si porta a casa questa vittoria.

Coach Campanella avrà sicuramente preso nota di cosa non ha funzionato in questa partita e cercherà di resettare la testa dei ragazzi in vista della decisiva partita con Treviglio in programma domenica. Visti gli impegni ravvicinati sarà fondamentale il pieno recupero fisico e mentale di tutti quanti, compreso Donzelli che non ha più fatto rientro in campo.

BAKERY PIACENZA: Bonacini 11, Lucarelli, Raivio 17, Donzelli, Morse 16, Sacchettini 8, Chinellato 3, Czumbel, El Agbani, Perin 4, Del Bono ne. Allenatore: Federico Campanella

PALLACANESTRO CANTU’: Stefanelli, Sergio 7, Johnson 18, Nikolic 21, Boev, Moscatelli, Da Ros 6, Bucarelli 6, Bayehe 13, Allen 12, Severini 2, Bresolin ne. Allenatore: Marco Sodini

Parziali: 13-21; 32-38; 47-58; 59-85.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.