Quantcast

Campagna pomodoro, Squeri (Federalimentare Giovani) “Stime oltre i 5 milioni di tonnellate”

“Secondo le stime comunicate dall’Anicav (Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali) le previsioni di raccolta di pomodoro nel 2022 saranno di oltre 5 milioni e 600mila tonnellate con un aumento del 10% rispetto al 2021”.

Lo comunica in una nota Alessandro Squeri, Presidente di Federalimentare Giovani e DG di Steriltom, azienda leader nella produzione di polpa di pomodoro a livello europeo. “Le previsioni – continua Squeri – ci fanno ben sperare se consideriamo le difficoltà climatiche registrate all’inizio del periodo di raccolta estivo e le problematiche legate alla logistica nei trasporti”. “Nonostante questo – aggiunge – per la prima volta in dieci anni c’è stato un forte aumento in valore e volume della domanda in Italia e all’estero, segno evidente di come siano cambiate le abitudini di consumo e di un sempre maggior interesse verso i prodotti “made in Italy”.

Oltre il 60% della produzione nazionale, infatti, è destinata all’estero e questo dato fa dell’Italia, secondo i dati ISMEA, il terzo produttore mondiale di pomodoro fresco rappresentando il 13% della produzione mondiale e il 53% di quella europea. Se i numeri saranno confermati – conclude Squeri – il valore dell’industria del pomodoro in Italia, già stimato in oltre 3 miliardi e 700 milioni di fatturato, potrebbe continuare a crescere andando ad incidere positivamente sul Pil nazionale e sul sistema produttivo nel suo insieme”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.