Quantcast

Creare un sito web: i 3 metodi più comuni

Più informazioni su

Creare un sito web è ormai semplice e alla portata di tutti. Che si tratti di blog personali, pagine per il proprio portfolio professionale o siti aziendali, sono in tanti a gestirne uno. Quando si costruisce un sito ci sono però molti fattori da tenere in considerazione, e ci sono diversi metodi per ottenere il risultato desiderato. Scopriamo allora i tre metodi più comuni per costruire un sito web, dando anche uno sguardo a vantaggi e svantaggi di ogni opzione per scegliere quella più adatta alle proprie esigenze.

computer

Creare un sito da zero scrivendo il codice

 

Partiamo dall’opzione più complessa, ma anche quella che offre maggiori vantaggi nel lungo termine. Creare un sito da zero permette di avere flessibilità totale sul risultato e sulle funzionalità da implementare, oltre a garantire scalabilità nel caso in cui in futuro ci sia la necessità di espandersi. Avere completo controllo sul codice vuol dire anche maggiore sicurezza, senza doversi affidare alle misure non sempre ottimali di servizi esterni, né la necessità di installare plugin che a volte portano a vulnerabilità indesiderate.

Costruendo il sito partendo da zero ci si può assicurare che il codice sia pulito, garantendo così una velocità di caricamento maggiore e un sito più performante, molto positivo per la SEO. 

Naturalmente questa opzione richiede competenze tecniche avanzate e inizialmente ci vorrà più tempo perché il sito sia pronto, ma come abbiamo visto i vantaggi sono poi notevoli. Si può imparare a creare un sito da zero grazie a corsi di programmazione online come quello offerto da aulab, che preparano per una carriera come sviluppatore web e forniscono quindi tutti gli strumenti necessari per costruire piattaforme professionali. 

Questa opzione è quindi consigliata per chi desideri una carriera da developer, oppure per chi stia creando un sito professionale con un buon potenziale di crescita ed espansione future.

 

Creare un sito su un CMS

Le piattaforme CMS (Content Management System) come WordPress, Drupal o Joomla permettono di costruire un sito dall’aspetto professionale tramite un’interfaccia intuitiva che semplifica il processo. Attraverso una ricca offerta di template e temi aiutano a personalizzare l’aspetto del sito, e un’ampia gamma di plugin aggiuntivi si può utilizzare per implementare funzioni e servizi. Su queste piattaforme è quindi possibile pubblicare un sito in un tempo relativamente breve, e senza alcuna necessità di conoscere i linguaggi di programmazione. 

Naturalmente, bisogna però rinunciare alla totale flessibilità di un sito creato completamente da zero. Le opzioni di personalizzazione, per quanto numerose, sono comunque limitate a quelle già presenti sulla piattaforma. L’aggiunta di plugin esterni, come già accennato, potrebbe poi portare a problemi per la cybersecurity se non correttamente aggiornati.

Si tratta quindi di un’opzione valida per chi abbia risorse economiche e di tempo più limitate, e voglia costruire un sito professionale con alcune funzionalità aggiuntive, ma senza la necessità di espandersi in futuro.

Creare un sito con web builder

La terza opzione è la più semplice, e anche quella con più limiti. Usando un web builder come Weebly o Wix si può realizzare una pagina scegliendo un template e trascinando gli elementi con la funzione drag and drop. Non ci sono però plugin esterni per funzionalità aggiuntive: una volta costruito il sito, è difficile aggiungere altre funzioni o modificarne la grafica in futuro.

Oltre alla semplicità, un vantaggio di questa opzione è l’hosting già incluso nel prezzo del servizio. Si ha quindi di certo la possibilità di mettere online il proprio sito in pochi click, creando una pagina dall’aspetto piacevole e pulito. Non è però possibile effettuare modifiche né tanto meno espansioni in un secondo momento: le possibilità di personalizzazione sono molto ridotte. Questa opzione è indicata per blog personali, o piccoli siti professionali da utilizzare per farsi trovare dai clienti, ma senza grosse necessità ulteriori.

 

A ognuno il suo, quindi: questi tre metodi per creare un sito web sono adatti a piattaforme e utenti diversi, ed è bene tenere a mente le proprie esigenze presenti e future prima di buttarsi nella realizzazione del sito.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.