Quantcast

Elezioni Gropparello, Armando Piazza

Più informazioni su

Armando Piazza, 64 anni – Lista “Piazza sindaco”

PRECEDENTI ESPERIENZE AMMINISTRATIVE:
sindaco gropparello dal 1985-1990
sindaco gropparello dal 2001-2006
sindaco gropparello dal 2006-2011
consigliere provinciale 2004-2009
presidente comunita’ montana valli nure e arda dal 2009-2011
presidente consorzio ambientale pedemontano 2002-2003

ULTIMO LIBRO LETTO: Cecità di Saramago

IL MESTIERE DI SINDACO NON È FACILE E SPESSO POCO CONSIDERATO, CHE COSA L’HA SPINTA A CANDIDARSI?
L’affetto verso il territorio dove nascono i miei nonni materni, mia madre, mia sorella, dove ho trascorso la mia infanzia e dove tuttora ho la casa di campagna e al quale ho dedicato 15 anni del mio impegno facendo il sindaco.
Ho constatato il grande affanno e il degrado che il comune sta vivendo, la mancanza di servizi che rende ancora più disagevole la vita della gente di gropparello e l’assoluta assenza di luoghi e momenti aggregativi dove sia presente l’arte, la musica e la cultura. Manca completamente un’idea di futuro per Gropparello e manca il peso politico che permetta di rendere realizzabile un vero rilancio del paese che non potrà mai esserci senza coraggio, lungimiranza e una grande determinazione.

QUAL È IL PROGETTO A CUI TIENE DI PIÙ E CHE VORREBBE REALIZZARE NEI PROSSIMI 5 ANNI?
Vorrei un centro multi uso che possa ospitare eventi sportivi, culturali, teatrali e musicali ma che sia adatto anche ad ospitare tutte le sedi delle associazioni con le loro attrezzature e ospiate tutti i servizi sanitari e alla persona attualmente forniti e quelli che intendiamo ampliare; un centro intorno al quale possa ruotare la vita dei miei cittadini.

L’ESPERIENZA DEL COVID COSA DEVE FAR CAMBIARE NELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI?
A parte l’adozione di alcune attenzioni di carattere sanitario per quanto mi riguarda non deve far cambiare nulla: un buon amministratore è aperto all’ascolto e deve tendere al miglioramento della vita dei propri cittadini sia con il covid che senza.

FAVOREVOLE AL VACCINO OBBLIGATORIO O AL GREEN PASS OBBLIGATORIO?
No, non nell’obbligatorietà, ma sono una persona ottimista che ha fiducia nel prossimo e quindi sono convinto che la stra grande maggioranza degli italiani si vaccineranno senza doverlo rendere un obbligo di legge.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.