Quantcast

Fiorenzuola, carattere ed errori. Ma l’ottimismo non manca IL COMMENTO

Più informazioni su

I “piccoli indiani” crescono; corrono, giocano anche bene, si stanno adattando alla categoria.

Contro l’Albinoleffe, almeno per un tempo, confermano una crescita confortante ed importante, Tabbiani recupera alcune pedine importanti (tra cui Palmieri) e fa debuttare l’ex pisano Tommasini; con lui la manovra offensiva acquisto maggior peso e pericolosità anche grazie alla serata brillante di Esposito (giovane davvero interessante) ma soffrono l’opaca serata di Bruschi.
 Ma il bel Fiorenzuola dura solo un tempo. Nella ripresa l’Albinoleffe forza il ritmo ed aumenta la pressione e si impadronisce del campo. Tabbiani cerca rimedio nei cambi, ma la mossa non produce gli effetti sperati: l’Albiunoleffe con il suo bomber Manconi è spietato e, dopo aver più volte sfiorato la rete, colpisce con una doppietta (il secondo gol proprio appena dopo il pareggio accarezzato dai locali). 
Sul risultato (senz’altro giusto) pesa, però, un episodio che avrebbe potuto cambiare l’andamento della partita: al 22′ un bellissimo slalom di Currarino lanciato a rete veniva fermato da una spinta che l’arbitro non giudicava così grave da punire col calcio di rigore. Decisione sicuramente molto discutibile.

In definitiva, se nel primo tempo abbiamo ammirato la buona disposizione tattica del Fiorenzuola ed apprezzato diverse buone manovre senza subire rischi, nella ripresa abbiamo ammirato il carattere ed il grande spirito agonistico di questa squadra che avrebbe senz’altro meritato di ridurre le distanze, considerato che il migliore tra le fila degli ospiti è stato indubbiamente il portiere. Il Fiorenzuola sta pagando gli errori di crescita; si sa che ci sarà da soffrire, ma l’ottimismo non manca, lo confermano i calorosi applausi che il pubblico gli ha tributato.

Luigi Carini

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.