Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Management d’impresa, università Cattolica e fondazione dirigenti italiani fanno squadra

Formazione, ricerca, valorizzazione delle competenze e sviluppo organizzativo.

Queste le parole chiave della convenzione stipulata tra Fondazione Istituto Dirigenti Italiani e Università Cattolica del Sacro Cuore finalizzata a sostenere il progetto industriale di crescita delle PMI attraverso la dotazione di strutture, docenze, metodologie e progetti adeguati a sostenere la valorizzazione del management d’impresa delle Piccole e Medie Industrie Private. La prima concretizzazione di questo accordo quadro sarà il percorso formativo sul PNRR con focus su sostenibilità, resilienza e transizione ambientale che tra ottobre e novembre coinvolgerà quadri e dirigenti delle PMI aderenti alla Fondazione.

“I dati sulla necessità di formazione continua per chi opera in azienda, in qualunque settore e funzione, dai ruoli più operativi e professionali a quelli manageriali, ci restituiscono un segnale forte e chiaro – sottolinea la preside della facoltà di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica, professoressa Anna Maria Fellegara -: nessuna economia evoluta può permettersi di trascurare o lasciar degradare le competenze e le conoscenze delle proprie risorse umane. Nei cambiamenti in atto, spinti dal vento impetuoso dell’innovazione, della digitalizzazione e delle diverse forme di intelligenza artificiale, sostenere e accompagnare la ricerca e la valorizzazione del potenziale di ciascuno, senza perdere nulla, diventa un compito fondamentale delle organizzazioni. Se è vero che i robot potranno sostituire molto lavoro umano, perseguire il bene della persona, dell’azienda e dell’intero sistema economico significherà cercare nuove forme e modalità che sviluppino sicurezza, flessibilità e inclusività. Il merito di IDI è certamente quello di avere uno sguardo attento al presente, ma capace di vedere lontano e di sviluppare percorsi di crescita per chi ha responsabilità di guida e governo dell’impresa”.

“Per l’Università Cattolica la convenzione con la Fondazione IDI è un’importante opportunità per lavorare a stretto contatto con le piccole e medie industrie del territorio nazionale e mettere a disposizione di aziende e manager le risorse e le competenze dell’ateneo al fine della crescita economica e nell’ottica del networking virtuoso che guida la nostra attività – sottolinea la professoressa Carlotta D’Este, che cura i rapporti tra la fondazione e la facoltà di Economia e Giurisprudenza di Piacenza nell’ambito di questo accordo -. Questo è tanto più centrale nel momento attuale in cui, a seguito della pandemia, gli investimenti nel capitale umano rappresentano una variabile strategica essenziale per il futuro”.

“È in questo spirito che la prima iniziativa di formazione nata da questa nuova collaborazione affronterà i contenuti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, come occasione di crescita e come risposta alla spinta dell’Unione Europea in direzione di un assetto imprenditoriale orientato sì, allo sviluppo, ma nella considerazione della sostenibilità e delle generazioni future”.

Molto soddisfatto il Presidente della Fondazione Istituto Dirigenti Italiani Cristian Camisa. “Ho voluto fortemente questa convenzione perché reputo fondamentale avere rapporti sempre più stretti tra mondo dell’industria e Università – dice -. La Cattolica è un punto di riferimento imprescindibile ed esprime docenti di assoluta eccellenza. Sono certo che sarà un partner privilegiato per arricchire le competenze dei nostri Dirigenti. Il primo corso sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non è solo un tema estremamente attuale ma è strategico per lo sviluppo delle nostre imprese ed è quindi fondamentale che la nostra classe dirigente ne conosca tutte le potenzialità per trasferirle all’interno del sistema delle nostre aziende”.

Oggetto della convenzione anche lo sviluppo di attività di ricerca concertata tra le parti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.