Quantcast

Referendum cannabis, Zanichelli (M5s) scrive a 11 sindaci piacentini “Mancano certificati elettorali dei firmatari”

Tra i circa 1400 Comuni italiani  che non hanno ancora provveduto ad inoltrare i certificati elettorali dei cittadini firmatari della richiesta di referendum sulla cannabis legale promosso dall’Associazione Luca Coscioni e richiesti via PEC dal Comitato organizzatore, ci sono anche undici amministrazioni del Piacentino: Piacenza, Agazzano, Borgonovo Val Tidone, Calendasco, Ferriere, Gazzola, Lugagnano Val d’Arda, Pontenure, Rivergaro, Sarmato e Vernasca.

Lo evidenzia il deputato emiliano del M5S Davide Zanichelli, che ha inviato ai primi cittadini una lettera di sensibilizzazione e sollecitazione, ricordando quanto sottolineano gli organizzatori, ovvero che “venerdì mattina, a fronte di 545.394 certificati digitali richiesti con 37.300 email certificate inviate ai Comuni sono rientrate 28.600 e-mail per un totale di circa 125.000 certificati”, con la conseguenza che, se la documentazione mancante non viene fornita per tempo “il deposito delle firme delle oltre 590.000 sottoscrizioni e il referendum stesso sono a rischio”.

“Ho invitato gli undici Comuni piacentini a trasmettere con la massima urgenza i certificati digitali richiesti – spiega Zanichelli – nel pieno rispetto del lavoro svolto dal Comitato promotore e di tutti i cittadini, che sono stati numerosissimi ad aderire a una petizione cui personalmente ho dato il mio appoggio, assieme ad altri, per regolamentare una materia importantissima ma che viene spesso trascurata. Indipendentemente dalla posizione di ciascuna amministrazione è un dovere dei Comuni rispondere entro 48 ore alla richiesta di invio dei certificati, che sono necessari per il deposito delle firme in Cassazione. Ci rendiamo conto – precisa il deputato pentastellato – che non sempre questo termine può essere rispettato a pieno, però questo ritardo rischia di mettere in discussione la presentazione del referendum, in quanto il termine ultimo per tutti i necessari adempimenti burocratici resta purtroppo ancora il 30 settembre 2021. Ora tocca alle undici amministrazioni del nostro territorio fare la propria parte e ho fiducia che così sarà”.

La lettera di Zanichelli segue di alcune ore una missiva analoga di Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’ANCI, che sottolineava rivolgendosi ai colleghi sindaci come “pur nella consapevolezza delle innumerevoli difficoltà di ordine pratico”, i Comuni debbano tutelare il diritto costituzionalmente tutelato e garantito della partecipazione democratica dei cittadini all’iniziativa legislativa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.