Quantcast

Rock’n’Roll Summer Camp, il festival di Piacenza in una compilation

Rock’n’Roll Summer Camp Volume 2, compilation dell’omonimo festival estivo, è in uscita il 24 settembre 2021 per Retro Vox Records, anticipata dal video di Saturnia degli psych-rocker AyahuascA

Rock’n’Roll Summer Camp nasce nel 2017, dalla mente propositiva di Carlo Izzo di Retro Vox Records, per essere realizzato per la prima volta l’anno successivo grazie al sostegno di Alberto Callegari (Elfo Recording Studio), per la messa a disposizione della struttura e del contributo tecnico, e dei ragazzi di Kinoki Media, per la realizzazione dei contenuti media/grafici. In programma in quel di Tavernago, in provincia di Piacenza, a ingresso libero, Rock’n’Roll Summer Camp non è un semplice festival estivo, bensì un luogo di aggregazione naturale che si trasforma in un punto di incontro per gli addetti ai lavori del mondo della musica underground, oltre che nell’opportunità per gli artisti che vi aderiscono di una vetrina entro la quale esibirsi e persino apprendere nuove competenze, tramite showcase e workshop, per proseguire una carriera a tutti gli effetti professionale.

I musicisti hanno poi l’occasione di suonare di fronte ad agenzie di booking, così come a manager del settore italiano e internazionale. Durante la notte al Rock’n’Roll Summer Camp chiunque può poi portare con sé il proprio strumento improvvisando insieme ad altri musicisti nel corso di un’incandescente open jam session. Non solo, perché Rock’n’Roll Summer Camp è anche un contenitore/alimentatore di idee. Le band che partecipano al camping possono registrare dei brani in presa diretta, condividendo la stessa backline, muovendosi abitualmente tra punk, garage, psichedelia, hardcore, stoner, doom e altro ancora. Brani successivamente pubblicati da Retro Vox Records in una compilation, in edizione limitata su vinile e disponibile su tutte le piattaforme digitali, giunta adesso per l’appunto al suo secondo volume.

I protagonisti di Rock’n’Roll Summer Camp Volume 2, in uscita il 24 settembre 2021 e derivata dall’edizione svoltasi dal 31 maggio al 2 giugno del 2019, sono dunque AyahuascA, Lord Woland, Dead In A Club, Tytus, The Dick Dastardly’s, Lags (con una cover dei Nirvana), Boogie Hammer, Throne, Tulpa e Thunder Bomber.  Alla prima edizione avevano invece aderito Black Gremlin, Buzzøøko, Carnero, Strato’s, Da Captain Trips, Shenanigans, Gorilla Pulp, Whiskey Ritual, Dead Man’s Blues Fuckers, Caronte, Wha’77, Huge Molasses Tank Explodes, Kaptain Preemo, Kickstarter Ritual e Viscera///, come testimoniato a suo tempo nel primo volume della compilation.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.