Quantcast

90 anni di Galleria Ricci Oddi “Ingresso gratuito per i piacentini fino al 17 ottobre”

Nel lontano ottobre 1931, esattamente novant’anni fa, veniva inaugurata la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi e per ricordare con il rilievo che merita questa importante ricorrenza l’Amministrazione Comunale ha deciso di offrire l’ingresso gratuito in Ricci Oddi fino al 17 ottobre a tutti i visitatori residenti a Piacenza che potranno così ammirare una volta in più questo luogo del cuore e di bellezza autentica.

Lo comunica l’amministrazione comunale: “Questa occasione sarà anche particolarmente propizia per vedere – o rivedere, per i tanti che gia ne hanno approfittato in questi mesi di esposizione al pubblico – anche il “Ritratto di Signora” di Gustav Klimt, una delle più note opere della Galleria, seppur non la sola di particolare pregio, che diventerà poi ambasciatore della nostra Città e della Ricci Oddi dal 27 ottobre nella Capitale”. “A Klimt sarà dedicato un importante e ricchissima mostra con respiro e richiamo internazionale, sviluppato per la prima volta, a partire dal 5 aprile 2022, proprio a Piacenza. La Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi accenderà i riflettori su un “Klimt ritrovato”: un grande evento in cui verrà offerto al pubblico italiano ed internazionale uno sguardo inedito sulla vicenda dell’artista viennese tenendo al centro proprio l’opera ritrovata della Galleria Ricci Oddi.

“L’apertura alla città promossa dall’Ammistrazione – dice il Direttore del museo Lucia Pini – ribadisce il legame fortissimo tra la Galleria Ricci Oddi e Piacenza e i suoi abitanti e va nella direzione di incentivare la frequentazione dei musei quali luoghi dove andare e ritornare perché le loro opere hanno sempre qualche cosa da dire e non finiscono mai di parlarci.”

“A questa iniziativa, che offrirà a tutti i piacentini di godere di un pezzo importante di “casa loro”, l’Amministrazione tiene in modo particolare in quanto convinta che investire in cultura vuol dire non solo far crescere l’intera Comunità, ma anche incentivare un turismo culturale che sta dando un forte impulso al nostro territorio ed agli operatori economici di Piacenza”.
L’ingresso, come le cautele che questi tempi impongono, sarà contingentato e basterà presentarsi alla Ricci Oddi, nei giorni e negli orari di apertura con documento che attesti di essere residente a Piacenza e green pass, per rivedere le più belle opere dell’otto e novecento e il “Ritratto di Signora” prima dell’impostante esposizione romana preludio della grande festa che celebrerà Piacenza dalla prossima primavera”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.