Quantcast

Cani, gatti e tutti gli altri…appuntamento il 16 e 17 ottobre al Petsfestival al CremonaFiere

Più informazioni su

Prende corpo giorno dopo giorno l’ottava edizione di Petsfestival e del programma che sta per essere presentato in forma completa. La manifestazione, che si svolgerà il 16/17 Ottobre presso il polo fieristico di CremonaFiere, evidenzia come il settore pet, come viene definito comunemente il comparto dell’animale da compagnia, goda di ottima salute e come gli animali continuino ad entrare sempre di più e a pieno titolo nella nostra vita quotidiana. Nonostante le innegabili difficoltà dovute alla pandemia, qualche traccia è riscontrabile in termini di partecipazione di aziende dall’estero, l’evento giunto alla ottava edizione si svolge su di un’area complessiva di quasi 20.000 mq., suddivisi fra spazi al coperto e aree all’aperto indispensabili per consentire un adeguato movimento al pubblico numeroso e motivato.

Già, il pubblico. Forse la variante più importante e più difficile da prevedere. Perché se da un lato si registra, comprensibilmente, una percentuale di contrari all’uso del green pass dall’altro altrettanti se non di più sono pronti per tornare a vivere quello che sembra essere, sempre di più, il più grande evento allpet d’Italia. Cani, gatti, acquariologia (spettacolare e inimitabile), alpaca e lama show, piccoli animali all’interno e svariatI e interessanti spettacoli all’esterno. Come la falconeria, le dimostrazioni di Canicross la nuova ed entusiasmante frontiera per vivere insieme (cane e uomo) lo sport all’aria aperta. Uomini, donne, adulti, bambini tutti a correre in paesaggi incontaminati. Per vincere, forse. Per stare bene insieme, sicuramente.

Ma evento nell’evento sarà il Book Corner, che farà incontrare appassionati lettori di libri e scrittori (hanno aderito attualmente dodici autori e altrettanti libri) in un caleidoscopio di emozioni. Libri nuovi, qualche déjà vu e un comune denominatore: gli animali protagonisti delle opere. E così fra gli animali che sono passati per Venezia nel corso dei secoli, i “si dice” e i non c’era una volta su molte specie, l’incontro fra una ragazza e un cavallo, il giro del mondo in 80 razze canine, uomini e cervi e molti altri, Petsfestival evidenzia ulteriormente la connotazione culturale e pet friendly di un evento che non punta a mettere l’animale in vetrina, ma a richiamare sempre di più l’attenzione del neofita come dell’appassionato verso cura e condizioni ottimali di vita per i nostri pet. A tutti gli effetti membri delle nostre famiglie.

Ripartire è stata una sfida. Petsfestival l’ha raccolta in pieno e ha dato fondo a tutte le energie per realizzare in otto settimane un evento che richiede, normalmente, otto mesi di preparazione. L’attenzione alla sicurezza e alle normative anticovid sono ovviamente uno dei punti fermi, fondamentali e irrinunciabili per consentire al pubblico, che già scalpita fin dai primi giorni di prevendita, di godersi questo ritorno all’ottava edizione di Petsfestival. Il tutto con immutato ossequio e attenzione al karma originale dell’evento: insegna ad un bambino a prendersi cura di un animale ed avrai piantato il seme per una migliore umanità. (nota stampa)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.