Quantcast

Droga dello stupro e fentanyl acquistati sul darkweb, due arresti anche a Piacenza

Importazione dall’estero e traffico di stupefacenti, tra cui la cosiddetta droga dello stupro, due arresti anche a Piacenza, nell’ambito dell’operazione messa a segno dai carabinieri del Nas di Roma. I due piacentini si trovano al momento agli arresti domiciliari.

Sono in tutto 39 le persone finite in manette 11 in carcere e 28 ai domiciliari; misure cautelari disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma nei confronti di altrettante persone accusate di importazione dall’estero e traffico di stupefacenti – fra cui la cosiddetta droga dello stupro (GHB GBL), eroina sintetica (fentanyl), catinoni sintetici, benzodiazepine – anche per ingenti quantitativi, nonche’ di sostanze ad effetto psicotropo, di prima comparizione sullo scenario europeo, appartenenti alla categoria delle “Nuove sostanze psicoattive”, acquistate dall’estero sul web o sul darkweb, ad elevata pericolosita’ per la salute a causa degli effetti droganti analoghi o maggiori rispetto alle droghe tradizionali.

Tra gli indagati figurano anche professionisti del settore privato o della pubblica amministrazione, tra cui un medico odontoiatra, un avvocato, un funzionario di un ente locale, un insegnante di scuola media (che, addirittura, faceva giungere proprio a scuola le spedizioni contenenti i pericolosi catinoni sintetici), due impiegati di banca, due militari in congedo e un architetto. Sono state ricostruite alcune “rotte” internazionali di provenienza delle sostenze stupefacenti acquistate in rete, suddivise per tipologie strutturali: fentanili (Canada, Polonia e Repubblica Ceca), GBL (Cina, Olanda, Francia e Croazia), catinoni sintetici (Olanda) e benzodiazepine (Olanda), oltre ad eroina ad alta concentrazione (rinvenuta in spedizioni provenienti dalla Gran Bretagna e dalla Germania).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.