Quantcast

Trasporti “fantasma” mai realizzati, frode per due milioni e false fatture per cinque

Frodi fiscali e false fatture per circa 7 milioni di euro: maxi sequestro della Guardia di Finanza di Piacenza.

L’operazione è stata denominata “Ghost Trucks”: le Fiamme Gialle hanno smascherato un’articolata frode nel settore della logistica, culminata nei giorni scorsi con l’esecuzione del “Decreto di sequestro preventivo” – di risorse finanziarie e immobili – disposto dalla Procura della Repubblica. L’attività – spiega la Guardia di Finanza – nasce da investigazioni economico-finanziarie, effettuate nei confronti di una società piacentina operante nel settore della logistica, che hanno permesso di svelare, inizialmente, una frode fiscale di circa 2 milioni di euro sottratti a tassazione. I successivi approfondimenti, coordinati dal Procuratore Capo della Repubblica, hanno consentito di appurare l’esistenza di un ulteriore giro di false fatture per oltre 5 milioni di euro nel settore del trasporto merci su strada. La frode si sviluppava attraverso la creazione di società e ditte individuali fittizie – con sedi legali costituite (solo sulla carta) nella provincia piacentina e nelle città di Milano, Genova, Vibo Valentia e Roma”.

“L’attività investigativa ha permesso di accertare come queste società, seppur formalmente amministrate da soggetti diversi, fossero in realtà riconducibili alla gestione di un’unica persona fisica originaria e residente a Piacenza. Tra queste – riporta la nota – ve ne erano alcune dedicate esclusivamente all’emissione di fatture oggettivamente inesistenti, con lo scopo di “abbattere” la base imponibile di altri soggetti economici aderenti al meccanismo fraudolento, sempre a lui riconducibili, e realizzare consistenti evasioni dell’Iva. Il raffronto tra l’ingente documentazione acquisita, le evidenze presenti nelle banche dati in uso al Corpo, le movimentazioni finanziarie sui conti correnti, e la reale operatività dell’imprese coinvolte – carenza di mezzi, di autisti nonché di strutture logistiche ed organizzative appropriate – ha permesso di scoprire un articolato sistema di trasporti “fantasma” che venivano regolarmente fatturati ma mai realizzati. Per tali condotte, sia l’amministratore di fatto che i prestanome, a lui conniventi, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i delitti previsti dagli art. 2 (“Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”) e 8 (“Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”) del D.lgs. 74/2000. Al termine dell’attività d’indagine, è stata disposta la misura cautelare reale del sequestro preventivo delle disponibilità presenti sui conti correnti, unitamente ad immobili – ubicati nella provincia piacentina e nel milanese, risalenti alle società coinvolte e nella disponibilità degli indagati”.

“L’attività di servizio – evidenziano dal comando provinciale – conferma la trasversalità e l’efficacia dell’azione di contrasto alla criminalità, in tutte le sue espressioni, posta in essere dalla Guardia di Finanza ed è la concreta espressione della sempre più marcata connotazione del ruolo di Polizia economico-finanziaria esercitato dal Corpo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.