Quantcast

Palazzo Farnese accende i riflettori sulla sindrome Pans Pandas

Nota stampa Comune di Piacenza

Sabato 9 ottobre Palazzo Farnese si accenderà di verde in adesione alla campagna di sensibilizzazione portata avanti dal Comitato italiano Genitori Pans Pandas Bge, impegnato – in occasione della Giornata mondiale di consapevolezza sulla sindrome – nell’ottenere il riconoscimento della patologia oggi diagnosticata come encefalite post-infettiva dei gangli basali (Bge), sottogruppo dell’encefalite autoimmune innescata da infezioni batteriche, virali o da altre cause.

Un fenomeno grave, che colpisce soprattutto i bambini in età pediatrica, manifestandosi con effetti neuro-psichiatrici anche invalidanti, su cui spesso la diagnosi arriva con molti anni di ritardo perché i sintomi possono essere confusi con problemi comportamentali legati all’età. Proprio per questo, lo slogan scelto dai familiari riuniti nell’associazione è “Bambini prigionieri di una malattia che non esiste”: nonostante l’ottenimento di uno specifico codice di malattia da parte dell’Oms e la pubblicazione di linee guida mirate a promuovere la diagnosi precoce e le raccomandazioni su possibili terapie, la sindrome Pans Pandas non è ancora riconosciuta dai singoli Paesi.

Di qui la richiesta di sostegno alle istituzioni – che in tutta Italia hanno aderito numerose, concedendo il patrocinio e illuminando i principali monumenti – raccolto anche dal Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, che supporta l’iniziativa. Il Comitato ha inoltre l’obiettivo di realizzare un docu-film di denuncia sulla sindrome e sulle difficoltà delle famiglie che si trovano a doverla affrontare senza alcun supporto, sul modello del documentario statunitense già pubblicato su YouTube, dove si può vedere sottotitolato in italiano al link www.youtube.com/watch?v=HLHCkyjAJYE

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.