Quantcast

Pochi alloggi per gli studenti, Confedilizia “Troppe tasse per i proprietari”

La nota stampa di Confedilizia Piacenza

In questi giorni è stato sollevato il problema dei pochi appartamenti disponibili per gli studenti universitari. A fronte delle tante richieste sembra che non ci sia un’offerta adeguata. Ma se c’è carenza di immobili sul mercato della locazione un motivo c’è. E per spiegare il fenomeno bisogna fotografare la situazione del momento che stiamo vivendo. Il buon funzionamento del nuovo Accordo territoriale sottoscritto da Confedilizia e dai sindacati inquilini, attraverso il quale, ricorrendo ai contratti agevolati e ai contratti per studenti, i proprietari accettano di abbassare i canoni pur di abbassare le tasse conferma quanto Confedilizia da sempre evidenzia: che l’imposizione fiscale è determinante.

Oggigiorno l’importante è che l’affitto percepito riesca a coprire almeno le tasse e le spese, ma non sempre è così. Perchè un immobile per essere locato ha bisogno di essere sistemato (lavori di ristrutturazione, impianti e servizi igienici ben funzionanti, ecc…) e il più delle volte, come nel caso della locazione a studenti universitari, l’immobile deve essere anche compiutamente arredato e ciò non sempre è possibile, soprattutto per mancanza di mezzi dovendo – come detto – i proprietari già sostenere ingenti somme per le imposte sull’immobile stesso erariali e comunali. La conseguenza è che l’affitto alla fine non basta neppure a coprire le spese sostenute per il recupero dell’immobile. C’è forse qualcuno oggi che compera immobili per affittare, e cioè per ritrarne un reddito? Se non c’è, è perché la locazione non rende niente e crea problemi enormi (anche gli inquilini sono cambiati…).

Inoltre altro fattore che scoraggia i proprietari è anche la mancanza di adeguate garanzie. E se da questo punto di vista analizziamo in particolare la locazione agli universitari, dovendosi necessariamente (per legge cioè) intestare il contratto agli studenti, appare evidente come questi ultimi (seppur con i genitori alle “spalle”) – essendo per la maggior parte giovani senza reddito – non diano idonee rassicurazioni ai proprietari. Senza contare che la durata di questi rapporti di locazione solitamente non supera i 12 mesi e impone quindi ai proprietari di ripristinare l’immobile e di rifare i contratti con grande frequenza. Pertanto il nesso sta tutto qui. Senza opportune certezze a garanzia dei proprietari è sicuramente difficile poter reperire nuovi immobili, oltre a quelli già presenti, da destinare al mercato della locazione. E non aiuta certo ad ispirare fiducia il reiterato blocco degli sfratti (che la Consulta ha appena dichiarato legittimo) che rappresenta una requisizione di fatto e che lascia i proprietari senza reddito e senza risarcimenti.

L’affitto va incentivato certo, ma non deve rappresentare un ulteriore gravame per i proprietari, che devono contare necessariamente su adeguate garanzie e sgravi fiscali, specie locali e da subito. Sul problema (che è un problema di tutti) Confedilizia indirà una riunione. Le rappresentanze che intendano partecipare, possono già segnalarsi. Insieme studieremo le misure alle quali interessare – oltre che le università con facoltà nel piacentino – i parlamentari, i consiglieri regionali e comunali, i Sindaci, le associazioni di categoria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.