Quantcast

Ugl “Impossibile eseguire tampone in farmacia e ottenere il green pass. Fatto gravissimo”

Più informazioni su

La nota stampa di Ugl Piacenza

“Segnaliamo che dal tardo pomeriggio di domenica 17 ottobre 2021, è pressoché impossibile per i lavoratori di Piacenza e Provincia trovare una farmacia o un laboratorio presso cui fare il tampone ed avere il certificato verde. Molte farmacie sono infatti regolarmente chiuse come da turnazioni ordinarie, le farmacie nelle quali era possibile fare il tampone su prenotazione sono al completo; diversi lavoratori in alcune farmacie sono in coda da più di un’ora, sperando che tra un prenotato e l’altro, la farmacia riesca a fargli il tampone. C’è la seria possibilità che resteranno invano in attesa fino all’orario di chiusura delle farmacie per poi andarsene senza tampone e, di conseguenza, senza certificato verde. Non si riesce cioè a fare quello che la legge prescrive, ma si subirà il divieto di accede ai posti di lavoro e la conseguente assenza ingiustificata, senza retribuzione alcuna che la stessa legge prevede. Abbiamo anche scoperto che il prezzo del tampone potrebbe oggi essere gravato da un ulteriore costo che deriva dalla legittima richiesta dei farmacisti di farsi pagare il diritto di chiamata, qualora la farmacia sia ‘a battente chiuso”.

“Quello che sta accadendo è di una gravità inaudita, rappresenta la negazione stessa di ogni legittimità dei poteri costituiti, dal momento che redigono norme, non sono in grado di garantirne l’attuazione e non prevedono alcuna verifica. La scrivente organizzazione sindacale domani sarà in grado di dire quale era la reale condizione di questa sera, ma soprattutto sarà in grado di assistere tutti quei lavoratori della provincia di Piacenza che questa sera o domani resteranno senza stipendio a causa di una legge scriteriata”. “Abbiamo infatti già predisposto con uno dei nostri legali convenzionati una richiesta di risarcimento danni per i lavoratori saranno senza stipendio perché non sono riusciti a farsi i tamponi. Invitiamo tutti i lavoratori che si troveranno in questo stato di necessità a contattare nei prossimi giorni la sede di UGL telefonicamente. A verificare come noi quanto stiamo affermando. Sarà infatti necessario per i lavoratori dimostrare la veridicità di quanto sta accadendo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.