Quantcast

Opera, danza e concerti: con l”atto secondo’ del Municipale riparte la campagna abbonamenti

Da gennaio a novembre 2022 il Teatro Municipale di Piacenza alza il sipario sulla seconda parte della stagione 2021/22, che vede in programma 5 titoli d’opera, un evento speciale per celebrare i 900 anni della Cattedrale, 4 concerti, 3 balletti e un cartellone dedicato ai giovani e alle scuole. (SCARICA LA BROCHURE)

A inaugurare l’anno sarà Aroldo di Giuseppe Verdi (21 e 23 gennaio) con il tenore Luciano Ganci, il baritono Vladimir Stoyanov e il soprano Roberto Mantegna, l’orchestra giovanile Luigi Cherubini e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza. Un progetto nato in coproduzione con i Teatri di Ravenna e Modena per la riapertura del Teatro Galli di Rimini, per cui Giuseppe Verdi compose l’opera e dove andò in scena la prima assoluta nel 1857. L’atto secondo della stagione al Municipale sarà anche quello che segnerà la riapertura degli abbonamenti, dopo le tante incertezze legate al covid. Gli abbonati delle precedenti stagioni potranno rinnovare l’abbonamento dal primo dicembre al dicembre 2021. Il cambio turno/posto abbonamenti verrà effettuato il 9 e il 10 dicembre, mentre i nuovi abbonamenti saranno in vendita a partire da sabato 11 dicembre. Da mercoledì 15 dicembre partirà la vendita dei biglietti (maggiori informazioni su https://teatripiacenza.it/; 0523 385720 (721); biglietteria@teatripiacenza.it).

“Il lavoro che stiamo facendo dimostra che in un periodo difficilissimo la Fondazione Teatri non si è fermata: il nostro teatro ha dimostrato di non essere secondo a nessuno” ha evidenziato Patrizia Barbieri, presidente di Fondazione Teatri, nel presentare la stagione 2022. Con lei il direttore artistico Cristina Ferrari, che ha auspicato “l’apertura di una stagione che vuole sperare di essere quella del ritorno alla normalità e senza ulteriori restrizioni. Un segnale incoraggiante viene dalla riapertura della campagna abbonamenti: gli abbonati sono una delle colonne portanti del nostro teatro”. Ferrari è entrata poi nel dettaglio degli eventi in programma. A partire dall’Opera: dopo l’esordio con Aroldo, toccherà a La Favorita di Gaetano Donizetti (18 e 20 febbraio), in coproduzione con il Teatro Regio di Parma; quindi il 18 e 20 marzo all’Adriana Lecouvreur, l’opera più famosa di Francesco Cilea, in coproduzione con i Teatri di Modena e Parma. Seguono Il Farnace, dramma per musica in tre atti di Antonio Vivaldi, in programma l’8 e il 10 aprile, e lo speciale appuntamento per i 900 anni della Cattedrale di Piacenza: il 12 aprile in Duomo verrà eseguito il celebre Requiem di Wolfang Amadeus Mozart. Ultimo evento operistico del 20222 sarà il recupero del Mefistofele di Arrigo Boito, il 16 e il 18 ottobre, in coproduzione con il Teatro Pavarotti-Freni di Modena.

La stagione concertistica del 2022 si aprirà il 26 febbraio con Europa Galante, tra le migliori orchestre al mondo nel grande repertorio della musica barocca e classica. Con la direzione del Maestro Fabio Biondi, il concerto vedrà l’esecuzione delle celebri Quattro Stagioni di Vivaldi. Si prosegue il 23 aprile, con il prestigioso ritorno a Piacenza dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, con un programma consacrato a Beethoven. L’autunno dei concerti si aprirà l’1 ottobre con il recital pianistico di Pasquale Iannone, mentre il 26 novembre la violinsta Patricia  Kopatchinskaja sarà di scena per la prima volta al Teatro Municipale, in concerto con la Filarmonica Arturo Toscanini.

La Stagione Danza si aprirà invece il 9 gennaio 2022, con La fanciulla di neve, nella messa in scena dell’Etoile Ballet Theatre, compagnia che dal 2020 ha sede a Piacenza. Il 27 marzo sarà la volta di un grande classico come Giselle portato in scena dai danzatori del celebrato Balletto Yacobson di San Pietroburgo; mentre il 3 aprile è in programma un eccezionale Gran Gala di Danza con i Primi Ballerini e Solisti del Teatro alla Scala a cura della piacentina Laura Contardi e Diego Ciavatti.

Nella ricca programmazione del Municipale, una sezione è riservata agli appuntamenti della Stagione Young. Protagonisti gli studenti e le studentesse delle scuole piacentine, con progetti, spettacoli e momenti formativi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.