Quantcast

Un’oasi di biodiversità agli orti di S. Maria di Campagna foto

Trasformare un’area verde in un’oasi di biodiversità pienamente fruibile dai cittadini attraverso la messa a dimora di nuovi alberi, arbusti, bordure e aiuole fiorite e l’installazione di una struttura di outdoor education. Questo l’obiettivo del progetto Aula Verde a Piacenza, parte della campagna Oasi Urbane di Coop che prevede da settembre a dicembre la messa a dimora di 10 mila alberi in dieci capoluoghi italiani. 10 mila alberi che assorbiranno nella loro vita oltre 7 mila tonnellate di Co2, ma che svolgeranno anche altre importanti funzioni ambientali e sociali aumentando la biodiversità urbana, mitigando le isole di calore e regalando ai cittadini nuove opportunità di contatto con la natura, essenziali tanto per il benessere personale quanto per la diffusione di una cultura di tutela dell’ambiente.

A Piacenza, Coop Alleanza 3.0 ha messo a dimora 400 fra alberi e arbusti nel frutteto di Santa Maria di Campagna. L’intervento, realizzato coinvolgendo direttamente un gruppo di giovani volontari, vede la partnership tecnica di PlanBee e la collaborazione dell’associazione Cosmonauti a.p.s. che, in accordo con il Comune, cura e gestisce il frutteto utilizzandolo anche per attività didattiche con scuole e associazioni locali. Con il progetto Aula Verde si punta infatti a valorizzare lo spazio sia nella sua dimensione naturalistica che in quella formativa: sono stati ampliati i filari di varietà da frutto antiche, da decenni conservate nel frutteto, sono state realizzate bordure e aiuole fiorite che attireranno e daranno nutrimento agli insetti impollinatori e, la prossima primavera, verrà installata una struttura per attività di outdoor education per rendere il frutteto ancora più accogliente e fruibile.

Il progetto è stato inaugurato alla presenza dell’assessore comunale all’Ambiente, Paolo Mancioppi, Paola Rossi presidente del Consiglio di Zona Soci Coop, Javier D’Argenio, Presidente dell’associazione Cosmonauti e Armando Mattei, Ceo di PlanBee. L’assessore Paolo Mancioppi ha ringraziato Coop Alleanza 3.0 e le associazioni partner del progetto «per una campagna che l’Amministrazione condivide pienamente. L’intervento di piantumazione delle 400 piante a Piacenza grazie al progetto Oasi Urbane di Coop mira ad ampliare, migliorare e abbellire il nostro patrimonio arboreo. Ma rappresenta allo stesso tempo una preziosa occasione per favorire la crescita della sensibilità e dell’attenzione della popolazione per la tutela dell’ambiente. L’impegno sul fronte della salvaguardia ambientale infatti, diventa ogni giorno più importante per costruire un futuro in cui il clima, la biodiversità e i territori siano tutelati e protetti”.

La presidente della Zona soci di Piacenza, Paola Rossi, ha dichiarato “Coop Alleanza 3.0 anche con la campagna “Oasi Urbane” dà il suo piccolo contributo alla salvaguardia ambientale seguendo la strada tracciata anche dagli obiettivi dell’Agenda Onu 2030 e rispondendo alle istanze delle nuove generazioni che chiedono interventi concreti a favore dell’ambiente. I nuovi alberi rappresenteranno il rapporto concreto, profondo e duraturo che la Cooperativa vuole stringere con il territorio in coerenza con il suo Piano di sostenibilità che si ispira anche al Goal 13 dell’Agenda 2030 dell’Onu che promuove azioni a tutti i livelli per combattere il cambiamento climatico”. “Come associazione, oggi abbiamo raggiunto un importante traguardo all’interno del percorso di rigenerazione del frutteto, area che ormai da quattro anni stiamo preservando con interventi di cura e valorizzazione – ha dichiarato Javier D’Argenio, Presidente dell’associazione Cosmonauti a.p.s. – Grazie al sostegno di Coop Alleanza 3.0 e PlanBee, infatti, abbiamo potuto arricchire questa oasi verde di nuovi alberi e arbusti, tutelando questo patrimonio naturalistico di cui potrà godere l’intera cittadinanza”.

“Siamo convinti – afferma il CEO di PlanBee, Armando Mattei –  che riportare la natura in città sia la risposta più efficace per fronteggiare le grandi sfide del nostro secolo. Gli alberi in contesti urbanizzati svolgono funzioni insostituibili dal punto di vista ambientale, come l’assorbimento della Co2 e la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, ma sono spesso anche una vera e propria infrastruttura attorno a cui ricostruire un senso di comunità e comunione con gli altri e con il pianeta. La nuova Aula Verde nel frutteto di Santa Maria di Campagna riassume perfettamente questa duplice dimensione. Siamo orgogliosi di inaugurarla oggi insieme a una cordata di partner di cui condividiamo visione e obiettivi”.

Il progetto “Oasi Urbane” è iniziato da Milano con l’iniziativa “Coop Youth Experience”, appuntamento collaterale alla Pre-Cop26 delle Nazioni Unite, che si è svolto nel mese di settembre e che ha visto arrivare nel capoluogo lombardo 400 ragazzi provenienti da 198 Paesi, chiamati dalle Nazioni Unite a dire la loro sul tema ambientale. Ma è stata Coop a portare in città altri 150 giovani under 30, soci, volontari, simpatizzanti, che nella giornata del 28 Settembre si sono impegnati in prima persona nella messa a dimora dei circa 1.100 alberi e arbusti in due aree della città. Una tre giorni, realizzata con l’ausilio di due partner tecnici come AzzeroCO2 e PlanBee. Entro dicembre le città coinvolte nel risanamento e nella rigenerazione di aree urbane saranno, oltre a Milano, Firenze, Torino, Ancona e Genova, anche Bari, Perugia, Livorno e Roma. Il progetto “Oasi urbane” è finanziato con la campagna “Green Weeks Coop” (partita a fine agosto fino all’8 settembre) che ha promosso lo “sconto sostenibile” del 25% sui prodotti Coop e grandi marche, destinando il 5% del ricavato a queste attività di sostegno all’ambiente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.