Quantcast

Afghanistan tra caos e speranza, il 19 dibattito col generale Rossi e la dottoressa Calza

Si chiama “Afganistan tra caos e speranza” la tavola rotonda sulla grave crisi del paese asiatico dopo il ritiro delle truppe Nato promossa domenica 19 dicembre dalle ore 16 presso lo Spazio Kairòs delle Suore Missionarie Scalabriniane nella sede di Piazzetta San Savino 29, a Piacenza. Un momento di approfondimento e per lanciare lo sguardo a un paese lTutti gli articoliontano tormentato da decenni di conflitti irrisolti, oggi tornato sotto il dominio dei Talebani: sono previsti gli interventi del Generale Umberto Rossi, ex comandante del contingente Nato-Isaf e di Stefania Calza, medico dell’ospedale di Emergency a Kabul.

Oggi diversi profughi afghani sono ancora ospitati nelle strutture di accoglienza piacentine, come in quella di Calendasco: per questo sarà presente anche il sindaco Filippo Zangrandi. Durante l’iniziativa saranno presentati i libri di Fawad e Raufi e proiettati documentari sui profughi e sull’Afghanistan. La tavola rotonda, alla quale parteciperà anche Hakim A. Salim – Consulente Organizzazione Internazionale del Lavoro, sarà preceduta alle 15,30 dall’inaugurazione della mostra fotografica di Prospero Cravedi e Maria Vittoria Gazzola. A condurre il confronto la giornalista Maria Vittoria Gazzola che nel 2005, insieme a Prospero Cravedi, visitò la missione militare italiana in Afghanistan.

Interverranno:
UMBERTO ROSSI – Generale, ex comandante Regione Herat (Afghanistan) NATO/ISAF
STEFANIA CALZA – Medico radiologo, Emergency Afghanistan
FAWAD E RAUFI – Scrittore e docente
HAKIM A. SALIM – Consulente Organizzazione Internazionale del Lavoro – ONU
FILIPPO ZANGRANDI – Sindaco di Calendasco, Comune dell’accoglienza
Sr. MILVA CARO – Superiora Provinciale – Europa – Suore Missionarie Scalabriniane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.