Quantcast

Covid, Emilia Romagna sempre “in rosso” nella mappa Ue. Solo 7 regioni arancioni

Più informazioni su

Covid, Italia sempre più in “rosso” secondo l’ultimo aggiornamento della mappa dei contagi pubblicata oggi (2 dicembre) dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Come già nel precedente monitoraggio, nessuna regione è in zona verde, sette sono invece “arancioni”; in zona rossa, insieme ad Emilia Romagna, Liguria, Lazio, provincia di Trento, Veneto e Marche, vengono indicate ora Lombardia, Abruzzo, Molise, Campania e Calabria. Passa invece in “rosso scuro” – colore che indica le zone con più alto numero di contagi in rapporto alla popolazione – la Val d’Aosta, che si aggiunge alla provincia autonoma di Bolzano e al Friuli Venezia Giulia.

I colori della mappa (che non corrispondono a quelli in vigore in Italia), basata sul tasso di notifica di nuovi casi a 14 giorni ogni 100mila abitanti e sul tasso di positivi nei test effettuati, sono cinque: verde, arancione, rosso e grigio (quest’ultimo indica assenza di sufficienti dati), a cui si aggiunge il rosso scuro. La raccomandazione per le zone “rosso scuro”, quelle cioè in cui il virus circola a livelli molto elevati (incremento dei contagi superiore ai 500 ogni 100mila abitanti), prevede l’obbligo di test e quarantena per i viaggi da e verso altri Paesi dell’Ue.

Numeri in peggioramento anche in Europa, con la mappa ormai completamente colorata di rosso.  colore rosso che diventa il colore predominante della mappa. Si conferma critica la situazione contagi nei Paesi dell’est, in gran parte indicati in rosso scuro, peggiorano anche Francia e Spagna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.