Quantcast

Fondazione Teatri, l’affondo dei Liberali: “Senza liquidità e il Comune deve provvedere”

FONDAZIONE TEATRI DI PIACENZA, NODI AL PETTINE – L’intervento dei Liberali Piacentini

La Fondazione Teatri di Piacenza si è trovata senza liquidità ed ha dunque chiesto al Comune di intervenire e provvedere. E’ l’ultima preziosa gioia di un ente che – creato senza nessuna esigenza cui provvedere – si è distinto per una gestione che ha creato la situazione alla quale il Comune deve oggi provvedere con propri mezzi diretti. E mentre rimane aperta ogni considerazione relativa al fatto (legittimo o non legittimo) per cui il Sindaco mantiene la carica di Presidente partecipando comunque alla gestione come Consigliere, basta vivere la città per sapere come i piacentini giudichino il governo del Municipale in questo periodo di pandemia, con restrizioni che hanno fino a pochi giorni fa riguardato le famiglie in negativo ed i congiunti in positivo, senza peraltro sapere con esattezza chi questi siano siccome non citati nei codici se non a proposito delle organizzazioni a delinquere.

Avanti l’aggravamento continuo della situazione, nell’ignavia del Consiglio comunale e dei partiti che esprimono membri di giunta, l’Associazione dei Liberali invita le forze politiche ad esprimere nei programmi il proprio giudizio in merito al mantenimento o meno di questa struttura nei prossimi anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.