Quantcast

Il bilancio dei vigili del fuoco: meno interventi, ma più mezzi al lavoro. Crescono gli ettari in fumo

E’ tempo di bilanci anche per il comando provinciale dei vigili del fuoco di Piacenza. In occasione della festività di Santa Barbara (che ricorre il 4 dicembre), è stato redatto “l’Annuario statistico”, con l’obiettivo di sistematizzare tutte le attività svolte nell’arco degli ultimi tre anni. I dati riportati sono riferiti allo stesso periodo (gennaio-ottobre) di ciascuno degli anni 2019-2020-2021. Anche il lavoro dei vigili del fuoco piacentini è stato condizionato pesantemente dall’emergenza covid: dai numeri emergono alcune tendenze che possono infatti trovare spiegazione con le peculiarità del periodo. Un calo delle richieste di intervento è stato infatti registrato nel corso del 2021 rispetto agli anni precedenti: 2471 a fronte delle 2463 del 2020 e 2783 del 2019. Incendi ed esplosioni sono la tipologia di intervento più numerosa, circa un quarto del totale negli anni oggetto di indagine, a seguire vengono soccorsi e salvataggio (circa un quinto) e al terzo posto ci sono gli incidenti stradali.

SCARICA IL REPORT IN PDF

tabella vigili del fuoco 2021

Nonostante la contrazione complessiva degli interventi, viene rilevato un costante aumento del numero di mezzi impiegati e anche un fenomeno alquanto preoccupante: l’incremento degli ettari di vegetazione bruciata. Nel 2021 sono stati ben 200 gli ettari andati in fumo, contro i 62 del 2019 e i 19 del 2020. Le statistiche raccolte indicano un miglioramento dei tempi medi di risposta dei vigili del fuoco: dai 15,7 minuti del 2019, ai 14,5 del 2020. Tale miglioramento è ancora più apprezzabile in relazione a un calo, in percentuale, di interventi eseguiti nello stesso comune in cui è presente una sede di servizio: ricordiamo che in provincia di Piacenza sono presenti tre distaccamenti, a Fiorenzuola, Castelsangiovanni e Bobbio. Inoltre viene registrato un aumento in percentuale degli interventi con durata inferiore ai 30 minuti nel biennio 2020-2021 ed un progressivo aumento degli interventi di durata superiore ad 1 ora.

L’analisi fa registrare un calo degli interventi nei comuni in cui è presente una sede di servizio, con l’eccezione del comune di Castel San Giovanni i cui interventi sono balzati dal 3,4% del 2019 al 4,9% di quest’anno. In generale è possibile apprezzare in provincia una riduzione dei civili infortunati; in controtendenza solo il dato che riguarda il territorio ‘raggiunto’ dalle squadre di soccorso di Castelsangiovanni e di Bobbio.

vigili del fuoco caserma

Tra i compiti del corpo – viene ricordato nel rapporto – anche la vigilanza antincendio, ovvero il “servizio di presidio fisico reso con proprio personale e mezzi tecnici nelle attività in cui fattori comportamentali o sequenze di eventi incontrollabili possono assumere rilevanza tale da determinare condizioni di rischio non preventivabili e quindi non fronteggiabili soltanto con misure tecniche di prevenzione. La vigilanza antincendio è finalizzata a completare le misure di sicurezza peculiari dell’attività di prevenzione incendi, a prevenire situazioni di rischio e ad assicurare l’immediato intervento nel caso in cui si verifichi l’evento dannoso”. A causa della situazione pandemica ancora in corso, non si svolgeranno quest’anno le tradizionali manifestazioni aperte alla cittadinanza in occasione di Santa Barbara.

Incendio rotoballe

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.