Quantcast

Malore in casa, agenti di polizia le salvano la vita con il defibrillatore

Malore in casa, agenti di polizia le salvano la vita con il defibrillatore. Tutto è successo intorno alle 14 di giovedì 2 dicembre in un appartamento di un condominio in zona stadio a Piacenza, dove una donna di 80 anni si è improvvisamente sentita male, perdendo i sensi e accasciandosi sul pavimento; è stato il figlio, in quel momento in casa, a dare l’allarme contattando il 118. La Centrale Operativa di Parma ha immediatamente attivato il “codice blu”, inviando sul posto un’ambulanza della Croce Bianca e l’auto medica del Pronto Soccorso cittadino; di concerto, l’allarme è stato diramato anche a tutte le pattuglie in servizio.

Sul posto, a sirene spiegate, si è portata in meno di due minuti una volante della polizia, raggiunta subito dopo da una seconda pattuglia: gli agenti hanno applicato il defibrillatore, in dotazione sull’auto di servizio, praticando le manovre di rianimazione cardio-polmonare: il cuore della donna ha ripreso a battere e l’anziana è stata affidata alle cure dei volontari della Croce Bianca e del personale medico e infermieristico del 118 di Piacenza e trasportata d’urgenza in ospedale.

Un’altra vita salvata grazie alla tempestività dei soccorsi e al prezioso dispositivo, in dotazione, attraverso la rete di “Progetto Vita”, anche ai mezzi delle forze dell’ordine. Progetto Vita, da sempre in prima linea nella lotta all’arresto cardiaco, in 23 anni ha contribuito a rendere Piacenza la città e la provincia più cardio-protette d’Europa con oltre mille defibrillatori presenti su tutto il territorio provinciale: 130 le persone salvate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.