Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

Marketing e solidarietà, otto progetti degli studenti della Cattolica per la Caritas foto

La solidarietà si mette in gioco all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Nella mattinata dell’1 dicembre, presso la sala Piana dell’ateneo piacentino, una sessantina di studenti del secondo anno della Magistrale di Food Marketing, nell’ambito del corso “Cultura ed etico del cibo” organizzato dal professore Antonio Chizzoniti, hanno presentato i loro progetti per il II Ethical Business Game.

Otto idee in sfida, miscela di valori etici e strategie di marketing, a servizio della Caritas diocesana di Piacenza. Se l’anno scorso gli studenti in gara avevano proposto numerosi spunti per il miglioramento della comunicazione e dell’organizzazione aziendale dell’Emporio Solidale di via Primo Maggio, quest’anno il focus dei lavori si è rivolto sull’ente caritativo diocesano. Fil rouge delle proposte dei gruppi in gara la necessità di aumentare la consapevolezza delle persone nei confronti dell’importanza delle attività della Caritas: una chiamata alla responsabilità civile che si declina in iniziative ed eventi che toccano trasversalmente tutti gli attori principali della società. “Proprio come l’anno scorso – ha sottolineato in apertura il professore Chizzoniti -, fondamentale sarà la realizzabilità dei progetti, affinché non rimangano solo delle belle idee. Nel nostro corso – ha aggiunto -, quest’anno abbiamo aumentato l’attenzione per temi etici e morali: argomenti che nell’emergenza sociale portata dal covid sono necessariamente centrali. La crescita di competenze e conoscenze non può limitarsi infatti ai soli aspetti tecnici: acquisire un bagaglio di cultura etica e della solidarietà farà bene agli studenti di oggi che saranno i manager di domani”.

Cattolica progetti vescovo

Presenti alla presentazione dei project work, oltre ad alcuni operatori Caritas con i quali si sono interfacciati i ragazzi nei mesi scorsi, anche il vescovo della diocesi di Piacenza e Bobbio Adriano Cevolotto, il direttore della Caritas di Piacenza Mario Idda e l’assessore ai Servizi Sociali Federica Sgorbati. “Marketing e solidarietà sono concetti che sembrano lontani, ma in realtà non è così – ha affermato Sgorbati -. Dal mio osservatorio, ciò che ho visto in quest’anno e mezzo di pandemia è stato uno stravolgimento di una fetta della nostra collettività. È aumentata sensibilmente la cosiddetta ‘zona grigia’ della popolazione: interi nuclei familiari che di colpo si sono trovati in difficoltà economica e costretti a dover chiedere aiuto. Il nostro ed il vostro (rivolgendosi agli studenti, ndr) compito è di colmare questo divario che si è creato”.

Cattolica progetti vescovo

“L’anno scorso per l’Emporio Solidale sono stati presentati lavori molto interessanti – ha commentato Idda -. Progetti che abbiamo preso in considerazione in modo concreto e che già stanno dando buoni frutti. Puntiamo a fare lo stesso quest’anno: Caritas, insieme agli altri punti della rete territoriale di solidarietà, esprime in modo significativo un sostegno e un aiuto ai nuclei familiari in ‘fascia grigia’. Le necessità sono tante e migliaia di persone dipendono da questi aiuti: si pensi che prima del covid all’Emporio Solidale erano assistiti 70 nuclei familiari, mentre oggi siamo a 165. La “Mensa della Fraternità” di via San Vincenzo l’anno scorso ha erogato 63mila pasti ed i nuclei familiari che ricevono borse viveri sono più di 400. Queste situazioni vanno affrontate anche sul piano della cultura, per questo il vostro lavoro è così importante. Si tratta del primo passo per poter cambiare le cose”.

La presentazione dei lavori andrà avanti per tutta la mattinata e alla fine verrà eletto il progetto vincitore.

Cattolica progetti vescovo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.