Quantcast

Neopatentati: come risparmiare sull’assicurazione auto

Più informazioni su

Il preventivo assicurazione dell’auto è una vera croce per molti automobilisti poiché i costi assicurativi richiedono un certo impegno e perché, in passato, le RCA sono state anche abbastanza costose per via di una certa deregulation di cui non ha tratto vantaggio l’utente finale ma il sistema.
Attualmente esiste un dibattito su un punto specifico che viene ritenuto controverso: secondo alcune associazioni di consumatori il risarcimento diretto da parte della propria compagnia assicurativa viene accusato di aver causato un aggravio di costi sugli automobilisti.
L’aggravio di costi non è altro che uno scarto tra la cifra forfait data dalla propria compagnia assicurativa, la quale si rivarrà sulla compagnia dell’automobilista causante il danno, e la cifra effettiva da sostenere per rimettere in perfetta efficienza il veicolo eventualmente danneggiato.
Alcune associazioni di consumatori poi accusano questo sistema di aggravio dei costi relativo non solo alle riparazioni ma anche relativamente a carichi di costi che renderebbero più difficoltoso cercare un preventivo assicurazione auto conveniente ed equilibrato che non richieda esborsi eccessivi in relazione al valore reale del veicolo.

Viene, quindi, ulteriormente contestato il DL Concorrenza del 2021 per aver esteso alle compagnie assicurative estere, i cui veicoli dovessero circolare in Italia, l’obbligo di agire con il sistema del risarcimento diretto, da parte della propria compagnia, del danno subito da terzi con cui si entra in vertenza.

Il sistema di cui parliamo deriva da una epocale riforma del 2007, la quale, a dire il vero, pensava di garantire il conducente che subisce un incidente con danni di qualsiasi tipo. L’utente, per non essere vittima o anche coautore di eventuali truffe, non viene più risarcito dalla compagnia del dante causa dell’incidente ma dalla propria società.

In buona sostanza si attiva un meccanismo definito, dalle scienze ragionieristiche, di dare e avere tra compagnie assicurative, il quale è regolato da un sistema chiamato Stanza di compensazione, a sua volta seguito ed elaborato dalla Consap.

Questi parametri di compensazione sono calibrati secondo dei veri e propri indici di riferimento ai vari pezzi danneggiati, che essi siano paraurti, fari, semiasse etc.

I consumatori però denunciano che tale sistema ha creato ulteriori scompensi a partire da una progressiva riduzione della cifra forfettaria che l’assicurazione del responsabile, successivamente alla compensazione, non verserebbe alla compagnia che si è accollata il risarcimento diretto.

La compagnia assicurativa incolpevole ha versato più di quanto ricevuto ma non si accontenta del principio morale di non aver tutelato un cliente causante un danno, secondo i consumatori essa si rifà sulle tariffe dei rinnovi del preventivo assicurazione auto dell’automobilista danneggiato e sfortunato.
Si può immaginare che questa situazione abbia, ulteriormente, svantaggiato il ruolo e la vita da guidatori dei neopatentati.

Fortunatamente sussistono delle soluzioni da consigliare onde permettere un migliore preventivo per l’assicurazione di un neopatentato, rivolgendosi a compagnie assicurative come Allianz Direct e profittando del portale online che Allianz Direct ha approntato per calcolare subito un preventivo, anche per i neopatentati, aderendo alle occasioni migliori in offerta.

La prima opzione che viene in mente per i neopatentati è l’adesione al Decreto Bersani ma non solo: ricordiamo che le recenti riforme hanno permesso una nuova formula di Assicurazione RC auto familiare per neopatentati.

E’ stato il Decreto Fiscale 2020 che ha introdotto, a partire da febbraio 2020, la possibilità contrattuale definita Bonus Malus Familiare, mirante ad allargare la potenzialità della Legge Bersani e relativi benefici.

In sintesi, tale riforma è destinata al nucleo familiare in cui è presente un membro che abbia un attestato di rischio senza avere commesso sinistri stradali negli ultimi 5 anni. Un altro componente della famiglia, anche neopatentato, può in tal modo ereditarne la classe di merito.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.